Finanza

Carige, battute finali per l’aumento: anche i top manager Fiorentino e Soro investono 350 mila euro

Domani la chiusura della partita legata al piano di rafforzamento, Carige lancia anche un progetto di solidarietà per il Gaslini

Milano. Anche il top management di Banca Carige investe, di tasca propria, sull’istituto ligure mentre è alle battute conclusive l’aumento di capitale da 560 milioni di euro. Il consigliere delegato Paolo Fiorentino, emerge da una comunicazione di internal dealing, ha rilevato 500 mila diritti di opzione e li ha esercitati, investendo 300 mila euro per sottoscrivere 30 milioni di azioni.

Il Cfo Andrea Soro ha invece acquistato sul mercato 4,9 milioni di azioni circa, puntando sulla banca 49 mila euro. Domani scade il termine per sottoscrivere le azioni dell’aumento.

Intanto solidarietà sotto l’albero in Banca Carige. Oltre alle erogazioni liberali destinate, come consuetudine di fine anno per la banca, a diversi enti e associazioni caritative, quest’anno il Consiglio di Amministrazione dell’istituto di credito genovese ha deciso di devolvere in beneficenza l’intero budget solitamente dedicato agli omaggi natalizi e destinarlo all’Associazione Gaslini Onlus che promuove i progetti dell’istituto Giannina Gaslini, un’eccellenza nel campo delle cure e dell’attenzione all’infanzia e nella ricerca biomedica.

“L’opzione netta a favore dell’impegno solidale rappresenta una svolta per Banca Carige – si legge in un comunicato –
che, per il Natale 2017, lancia un segnale forte di vicinanza a chi lavora quotidianamente a fianco di coloro che si trovano in un momento particolare di difficoltà, come i piccoli pazienti del Gaslini ed i loro famigliari.

Chi volesse unirsi all’iniziativa di Banca Carige può farlo versando il proprio contributo sul conto 6117.80, acceso presso l’Agenzia 138 di Banca Carige, intestato a Gaslini Onlus, IBAN IT05V0617501583000000611780. I versamenti sono esenti da qualsiasi onere e commissione.

Più informazioni
leggi anche
  • Finanza
    Carige, sottoscritto il 71% delle nuove azioni, ora entrano in gioco i garanti o Malacalza