Quantcast
I sestresi tornano in vetta

Baiardo e Athletic Club crollano. Rivasamba: rimonta completatarisultati

Arancioblù che superano agevolmente l'Ortonovo e sfruttano i passaggi a vuoto delle ex regine del campionato. Crisi Golfo Paradiso, Little Club ritrovato

Baiardo Vs Athletic Promozione Girone B

Si fa avvincente la lotta al vertice del campionato di Promozione Girone B con tre squadre in un punto e altre che spingono per poter entrare nelle zone che contano della classifica. Crollano quelle che sono state a lungo le contendenti al primato e parevano poter “scappare”. Invece i risultati deludenti delle ultime uscite, costano al Baiardo il primato che ora deve condividere con il Rivasamba.

I neroverdi infatti incassano la seconda, inaspettata sconfitta in altrettanti turni. A infliggere il terzo ko stagionale a Campanella e compagni, è il Forza e Coraggio che resiste un tempo e poi colpisce con due blitz in 5’ tra il 75° e l’80° con Pesare e Amorfini. Lo stesso punteggio che il Little Club rifila ad un irriconoscibile Athletic Club che viene battuto meritatamente dai rosoblù che ringraziano Gatto autore della doppietta con la quale i grifoni si prendono tre punti davvero pesanti.

Tra le due litiganti a godere è il Rivasamba che completa la rincorsa alla vetta con il 3-0 all’Ortovero che vale il primato. Arancioblù in vantaggio alla mezzora con un capolavoro balistico di Owusu che al volo infila Del Monte. Al 42° il raddoppio invece è frutto di un’azione manovrata che consente a Salano di battere il portiere. Nel secondo tempo gli ospiti alzano il baricentro, pur non riuscendo a sfondare e si espongono ai rapidi contropiedi dei sestresi che all’87° la chiudono con il terzo gol firmato da Tuvo. Gli arancioblù sono ora primi in virtù della migliore differenza reti rispetto al Baiardo.

Pareggio importante per la Ronchese che strappa uno 0-0 al Magra Azzurri e muove, anche se di un solo punto la propria classifica. I rossoblù riescono ad imbrigliare la manovra spezzina nel primo tempo, costringendo gli ospiti ad affidarsi spesso ad azioni su calci da fermo, che comunque il portiere Roncati sventa. Sesto pareggio per la Ronchese che manca ancora all’appuntamento con la vittoria, ma che certamente può partire da questa gara per lanciare la propria risalita.

Momento nero per il Golfo Paradiso che era partito alla grande, ma che a Cogorno contro il Real Fieschi, incappa nella terza sconfitta consecutiva che allontana ancora di più Paterno e compagni dalla vetta. In questa gara che sa di derby levantino, i cogornesi giocano un primo tempo su ritmi alti che trovano impreparati i biancocelesti. Al primo affondo Casella è pronto e infila Cellerino che al 2’ deve recuperare già il pallone in fondo al sacco. La reazione recchese è debole con un colpo di testa di Zucca che Pozzo para senza problemi. Al 20° poi il Fieschi rompe il possesso palla degli avversari e piazza il raddoppio con Ronconi. La terza rete giunge immediata nella ripresa ancora con Casella che si dimostra decisivo negli avvii di gara. Recchelini che necessitano di ripartire prima possibile. Cogornesi ritrovati.

Vittoria molto importante per la Don Bosco Spezia che si aggiudica lo scontro diretto con il Casarza Ligure e supera i biancogranata in classifica lasciandoli al penultimo posto. Le reti arrivano entrambe nei minuti finali dei due tempi. Al 43° Mecherini sblocca il risultato. Nella ripresa il Casarza attacca a testa bassa, ma il fortino salesiano tiene e al 91° Angeli colpisce feralmente gli avversari che a questo punto desistono e lasciano i tre punti alla Don Bosco.

Continua il magic moment della Goliardicapolis che ad Ameglia conquista la quarta vittoria di fila ottenendo così un equilibrio con le sconfitte ed i pareggi sin qui realizzati (4 di ognuno). I blaugrana si impongono con il Real Fiumaretta in uno scontro potenzialmente decisivo visto che le squadre alla vigilia erano divise da un solo punto in classifica e in lotta per allontanarsi dalla zona playout.

Gara combattuta tra due squadre di simile livello che infatti resta ferma sullo 0-0 per oltre un’ora di gioco. Poi un calcio di rigore in favore dei padroni di casa permette a Lombardini di siglare, al 65° l’1-0 per gli spezzini.  I genovesi reagiscono e si gettano in avanti andando ad impattare con Aprile al 75°. Quando si ricomincia a giocare qualcosa è cambiato: i padroni di casa puntano al pari, si chiudono e lasciano l’iniziativa agli ospiti che all’80° esultano per la zampata di Incerti che ancora una volta è decisivo.

Infine una pioggia di gol si abbatte su La Spezia, dove andava in scena Cadimare – San Cipriano. Due squadre divise da soli due punti in graduatoria e lottano per cercare un posto al sole, oltre che a tenersi ben lontane dalle zone pericolose della classifica. Spezzini che approcciano meglio alla gara e vanno sul doppio vantaggio grazie alla doppietta di Biasi che piazza un uno – due tra l’11° ed il 14° che rischia di compromettere la giornata dei biancocelesti.

In tal senso si rivela fondamentale la rete di Burdo al 44° che consente al San Cipriano di restare in partita. Ma ancora una volta l’avvio di tempo arride al Cadimare che allunga ancora con Agrifogli, bravo a battere Coppello per la terza volta al 49°. La squadra di Rossetti si dimostra un diesel e col passare dei minuti i biancocelesti escono. Al 64° Raiola accorcia le distanze e dopo vari minuti di pressione Ottonello sigla il definitivo 3-3. Un po’ di rammarico per l’approccio alla gara del San Cipriano che avrebbe potuto anche fare bottino pieno, ma che deve lavorare sui primi minuti di gioco.