Foreign fighters

Arrestato con l’accusa di terrorismo, marocchino trasferito dal carcere di Marassi a quello di Sassari

In un carcere di massima sicurezza con altri sospetti fondamentalisti

Genova. E’ stato trasferito nel carcere di massima sicurezza di Sassari Nabil Benamir, il marocchino arrestato dieci giorni fa con l’accusa di terrorismo, dopo che si era scoperto che era pronto a immolarsi. Nella casa circondariale sarda ci sono anche altri detenuti sospettati di fondamentalismo.

Il marocchino, che viveva a Genova in una casa popolare occupata abusivamente, era stato fermato ad agosto per maltrattamenti nei confronti della compagna. Il suo nome però era inserito nella black list dei foreign fighters, ed era segnalato come importante esponente dell’Isis.

La Digos di Genova, coordinata dal sostituto procuratore Federico Manotti, aveva trovato nelle memorie del telefono le istruzioni per costruire ordigni con vecchi cellulari e per fare stragi con tir e auto rubate. In alcune conversazioni aveva detto di avere ricevuto la ‘chiamata del Chiamante’, elemento che ha fatto ritenere agli investigatori che stesse aspettando istruzioni per colpire in Italia.

leggi anche
  • Le indagini
    Arrestato per terrorismo a Genova, Benamir non risponde al gip. Sarà trasferito in un carcere di massima sicurezza
  • Benamir nabil
    La ex del terrorista arrestato: “Era diventato taciturno e aveva nuovi amici”. In Procura un nuovo fascicolo per dare la caccia ai membri della cellula jihadista
  • Over the web
    Terrorismo, neutralizzato a Genova estremista dell’Isis