Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Anziana morta in casa a Borgoratti, l’autopsia esclude l’omicidio

Le lesioni al collo, in un primo tempo sospette, dopo l'autopsia appaiono incompatibili con uno strangolamento. Il figlio, con gravi problemi psichici, è ancora ricoverato in ospedale

Più informazioni su

Genova. Esclusa l’ipotesi di omicidio per la morte di Giovanna Pedori, la donna di 78 anni deceduta e vegliata per una settimana nel letto di casa dal figlio di 47 anni. L’esame autoptico svolto stamane dal medico legale Marco Salvi ha accertato che la donna non è stata uccisa: sul suo corpo non sono state trovate contusioni o ferite compatibili con l’ipotesi dell’aggressione da parte del figlio o di un’altra persona.

I lividi al collo che per il medico del 118 che ha svolto il primo sopralluogo nella casa delle donna potevano essere spiegati con uno strangolamento sono infatti risultati essere superficiali visto che la causa della morte non risulta essere la mancanza di ossigeno. La settantottenne sarebbe probabilmente è morta a causa di un malore che le ha fatto perdere i sensi e cadere sbattendo la testa contro un mobile. Un malore compatibile con le sue precarie condizioni di salute.

L’esame autoptico ha dunque confermato quanto detto dal figlio della donna: l’uomo, pur molto confuso e provato, aveva riferito che la madre era caduta e lui l’aveva poi adagiata sul letto. Il pm Alberto Landolfi, che coordina l’inchiesta, aveva aperto un fascicolo a carico di ignoti per omicidio in modo da poter svolgere l’esame autoptico. Il corpo di Giovanna Pedori era stato trovato giovedì mattina dai medici del 118 chiamati proprio dal figlio, seppur a distanza di oltre una settimana dalla morte.

Il figlio, 47 anni, è stato ricoverato all’ospedale San Martino per malnutrizione. Soffre di disturbi psichici e non è al momento indagato. Gli inquirenti per concludere l’indagine e ricostruire nei dettagli la vicenda potrebbero ascoltare il medico di famiglia della donna, che avrebbe affermato di non avere notizie della sua paziente da due anni. Dalle indagini emerge anche che nessun medico e nessun assistente sociale era a conoscenza delle condizioni del figlio della donna.