Quantcast
Si cambia

Piazza Sarzano, avanti tutta con la pedonalizzazione: il 29 novembre incontro pubblico

Che precede di qualche giorno il primo esperimento senz'auto: il mercatino di San Nicola, che si svolgerà in piazza Sarzano dal 2 al 2 dicembre

Genova. La prova del nove sarà, dal 2 al 23 dicembre, il mercatino di San Nicola, affollatissimo evento natalizio che, quest’anno si sposterà da Piccapietra, dove è in corso un cantiere, a piazza Sarzano, nel centro storico.

Un problema che si trasforma in opportunità. Per il mercatino, di rinnovarsi. Per la pubblica amministrazione, di testare la futura pedonalizzazione della piazza più grande della Rive Gauche “vicolara”.

Un progetto di cui si parla, con diverse declinazioni, dal 2003 e che non ha mai smesso di far discutere, sarà presentato – questa volta si spera per essere messo in atto davvero – mercoledì 29 novembre alle 11 al museo di Sant’Agostino con un incontro pubblico al quale saranno presenti, tra gli altri, il vice sindaco Stefano Balleari, il presidente del municipio Centro Est Andrea Carratù e l’architetto Susanna Bordoni, che già aveva firmato il progetto del mercato in ferro inaugurato, tra Sarzano e Ravecca, nel 2013.

Cosa cambia. Dove adesso c’è una selva di auto e asfalto, ci sarà un’area totalmente pedonale, con panchine e verde pubblico. Un colpo d’occhio non da poco per una piazza che potrebbe, a quel punto, diventare l’anello di congiunzione anche turistico tra i vicoli della movida, Santa Maria di Castello e le mura di levante.

“Nonostante alcuni sparuti mal di pancia soprattutto personali – dice Andrea Carratù – siamo pronti a dar vita a un cambiamento importante, la piazza potrebbe diventare un punto di riferimento per anziani e bambini in una zona, il centro storico, alla costante ricerca di aree all’aperto. Questo risultato arriva al termine di un dialogo costante con il territorio, non è vero che siamo andati avanti senza consultare nessuno”.

Il nodo dei parcheggi. E’ uno degli aspetti più osteggiati dai fautori del “no alla pedonalizzazione”. Intanto, non spariranno completamente ma saranno in parte relegati ai bordi del piazzale, altri “risarcimenti” sono previsti alla zona di Cavour, tra corso Quadrio (dove c’era il suq) e l’ex mercato del pesce. Altra critica avanzata da alcuni residenti, il fatto che non siano ancora state installate le promesse telecamere di sorveglianza.

La pedonalizzazione di Sarzano, un progetto che sembra non avere colore politico, visto che è transitato da un governo all’altro senza essere praticamente stato intaccato, potrebbe essere il primo atto di un nuovo trend per cui sempre più aree del centro storico saranno interessate da una totale pedonalizzazione. “Non è semplice, ci sono problemi legati alla logistica e alla sicurezza delle persone, che difficilmente rinunciano ad arrivare con i propri mezzi sotto casa, ma è una valutazione su cui stiamo ragionando”, osserva Carratù.

Più informazioni
leggi anche
  • Urbanistica
    Centro storico, ecco come piazza Sarzano cambia faccia in 7 punti