Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Slitta a martedì il voto del piano socio sanitario, oggi anche la protesta disabili in consiglio: “Vergogna” foto

Viale: "Dal 1 gennaio 2018 abbiamo aumentato da 500 a 1200 euro al mese il contribuito per le disabilità gravissime". Il Pd accusa: "Streaming interrotto durante protesta"

Più informazioni su

Genova. Un grido d’allarme già annunciato e oggi tradotto in una parola: “Vergogna”. E’ quello delle famiglie, degli enti erogatori no-profit, e dei lavoratori delle associazioni dei disabili fortemente preoccupati per le scelte della Regione che “stanno mandando in crisi i servizi per la disabilità”.

consiglio regionale disabili

E questa mattina una nutrita delegazione del settore è arrivata in presidio davanti alla sede del Consiglio regionale, riunito per il voto al Piano sociosanitario e poi è stata ricevuta dalla Conferenza capigruppo. Un’audizione che si è tenuta nell’aula consiliare, e non nella sala dedicata, per far partecipare tutti gli interessati e che ha di fatto interrotto i lavori. I tempi si sono allungati tanto che la discussione e il voto del piano sono rinviati quanto meno al consiglio regionale di martedì prossimo.

“Il mondo della disabilità – spiega Aldo Moretti, presidente del Coordinamento regionale enti riabilitazione handicap – è fortemente penalizzato dalle disposizioni uscite dalle delibere regionali da aprile a oggi, sia sul piano economico, con un budget nettamente inferiore ai precedenti ma con prestazioni inalterate, sia sul piano qualitativo dell’offerta. Non chiediamo aumenti economici, solo di poter rivedere insieme il sistema perché rimanga di qualità e porti sempre più verso forme di autonomia”.

Il settore, che a livello di bilancio regionale comporta una spesa annua di 210 milioni, ha subito nel 2012 un taglio del 5% che non è mai più stato assorbito. “Ora abbiamo ulteriore tagli sul budget e sulle prestazioni – riprende Moretti- questo ci impedisce di poter lavorare con qualità. Non è più assistenza ma assistenzialismo. Bisogna risparmiare proprio sui più fragili, tagliando i servizi, peggiorando le condizioni di accesso alle prestazioni e dei lavoratori? La disabilità non può essere considerata un costo: le persone disabili non sono numeri, si deve partire dai loro bisogni e dalle difficoltà delle famiglie”.

“La Regione taglia i fondi per i disabili” ribadiscono in una nota i consiglieri regionali del Pd Raffaella Paita e Pippo Rossetti, dopo la sospensione dei lavori che ha consentito alle associazioni liguri (Anffas, Ens, Cepim, i genitori del Villaggio del Ragazzo, Aias e Don Orione fra le altre) di denunciare la situazione di grave emergenza con cui devono fare i conti.

“Sono due anni che l’assessore Viale sostiene che ci sia un accordo sui fondi per i disabili – sottolinea Rossetti – ma come dimostrano i genitori delle tante famiglie arrivate questa mattina in Regione i tagli ci sono eccome. Diminuire le prestazioni vuol dire scaricare sulle famiglie i problemi e mette a rischio anche i posti di lavoro, per tutti gli addetti che operano in questo settore”.

“Ci sono liste d’attesa molto lunghe nel dopo di noi, negli ambulatori riabilitativi, nei centri diurni e nelle RSA – sottolinea Paita – e se la Regione riduce i fondi queste attese aumenteranno esponenzialmente. È una questione di dignità ed equità sociale. La Giunta non può voltarsi da un’altra parte”.

“Toti convochi un tavolo permanente che affronti seriamente il tema della disabilità e della non autosufficienza in Liguria e sappia dare finalmente quelle risposte che genitori di pazienti disabili e associazioni di settore attendono da troppe anni a livello di tariffe, gestione dei posti letto nelle strutture e sostegno alle famiglie.” Così i portavoce del MoVimento 5 Stelle intervengono a margine dell’audizione su disabilità e accreditamento in Consiglio regionale.

“La continua regressione delle risorse del comparto non è accettabile – ha detto il capogruppo di Rete a Sinistra-LiberaMente Liguria Giovanni Pastorino – La Giunta Toti parla tanto di discontinuità, la pratichi, non recuperi le risorse dai disabili, è una scelta politica inaccettabile”.

Contrarietà al piano socio sanitario anche dalla Cgil: “E’ fuori sincrono rispetto ai nuovi bisogni espressi dalla popolazione ligure, si applicano vecchie ricette a nuovi bisogni. Temiamo che il costo di scelte sbagliate finisca per ricadere nuovamente su cittadini e lavoratori. Questi ultimi hanno già subito un taglio di quindici milioni di euro negli ultimi due anni”.

L’approvazione del Piano socio-sanitario potrebbe slittare a oggi pomeriggio con la prosecuzione a oltranza dei lavori della seduta odierna oltre l’orario previsto o al massimo alla seduta di martedì prossimo.

“C’è bisogno di dialogo diretto con le famiglie, non intermediato dalla politica – ha replicato l’assessore Viale – C’è grande insoddisfazione, è vero, è per questo che vogliamo cambiare il sistema, dare risposte più appropriate“. Per l’assessore alla Sanità c’è poi un equivoco di fondo.

“Gli enti gestori non sono le famiglie, sono coloro i quali che ricevono i 200 milioni euro l’anno di servizi. Sono parte contrattuale, noi abbiamo l’obbligo come istituzione di spiegare direttamente alle famiglie, lo abbiamo fatto e continueremo a farlo.Le modifiche che stiamo facendo vanno nel loro interesse. Dal 1 gennaio 2018 abbiamo aumentato da 500 a 1200 euro al mese il contribuito per le disabilità gravissime, queste sono le cose che contano non le strumentalizzazioni”.

La protesta del PD contro lo streaming interrotto. I consiglieri regionali del Pd Raffaella Paita e Pippo Rossetti denunciano: “E’ stato interrotto lo streaming dei lavori dell’aula quando è stata data la parola alle famiglie e alle associazioni dei disabili, che chiedevano alla Giunta di non tagliare le risorse per l’assistenza. Un fatto gravissimo, che ha censurato le giuste istanze di queste persone e che dimostra come la destra abbia paura del confronto e provi in tutti modi a mettere il silenziatore alle proteste. Chiediamo immediatamente chiarimenti per quest’episodio vergognoso”. Il presidente del Consiglio Francesco Bruzzone ribatte: “Abbiamo rispettato il regolamento, lo streaming non è previsto se il consiglio è interrotto”.