Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

“No al panino da casa”, i lavoratori delle mense scolastiche organizzano la battaglia

Una riunione fra delegati per fare il punto della situazione in vista dell'incontro con il Comune di Genova di venerdì. Ma quello del pasto da casa non è l'unico problema

Più informazioni su

Genova. Contro il “panino da casa” e le maxi gare d’appalto, i lavoratori dei servizi di refezione scolastica si incontrano domani per fare il punto della situazione in vista del tavolo di confronto in programma venerdì tra il Comune di Genova e le organizzazioni sindacali.

L’appuntamento interno ai delegati di Fisascat e Uiltucs è previsto oggi alle 16 nella sede del sindacato in piazza campetto. “Panini, internalizzazione del servizio e tanta nebbia”, i temi da affrontare.

Secondo i sindacati le decisioni della giunta regionale e del Comune di Genova in merito alla possibilità dei genitori di lasciare agli studenti un pasto portato da casa rischiano di far ampliare il fenomeno. Questo, oltre che gravi rischi occupazionali, potrebbe creare un rischio sanitario all’interno delle scuole.

Lasciano perplesse anche le indicazioni del Comune di Genova che ha dichiarato di voler internalizzare il servizio mensa. “Circola inoltre da tempo – spiegano i sindacati – l’ipotesi di prorogare tutti gli appalti del servizio di refezione scolastica del Comune per procedere ad un unico maxi bando d’appalto”.

“Pare inoltre – continuano – che si intenda escludere gli autisti esternalizzati da ogni cambio d’appalto per il servizio trasporto pasti. Spesso gli autisti si ritrovano esclusi dai cambi appalto del proprio lotto”.