Quantcast
Ducale news

Nel Presente Molteplice, l’Architettura si confronta con il mondo. A Palazzo Ducale

Fotografia, arte e letteratura esprimono i problemi, le tensioni e le contraddizioni cui l’architettura è chiamata a dare risposte

Nel presente molteplice

Genova. Il linguaggio architettonico si confronta con quelli di altre discipline, che possono più agilmente orientarsi al cambiamento e rappresentare il momento presente con maggior rapidità e immediatezza. Fotografia, arte e letteratura esprimono i problemi, le tensioni e le contraddizioni cui l’architettura è chiamata a dare risposte: il confronto è vitale per progettare l’architettura del nostro tempo.

Giovedì 16 Novembre / ore 21,00 Salone del Minor Consiglio, Palazzo Ducale DUCCIO MALAGAMBA: SEDUZIONE E DISINCANTO Affermato fotografo di architettura, ha collaborato con architetti quali Alvaro Siza, Herzog & De Meuron, Rafael Moneo, EMBT,Coop Himmelb(l)au. Formatosi a Genova, ha studio a Barcellona; i suoi scatti compaiono ormai a migliaia su monografie, pubblicazioni e riviste internazionali. A cura di Clelia Tuscano

Venerdì 1 Dicembre / ore 21,00Salone del Minor Consiglio, Palazzo Ducale ESTER ARMANINO: LO SPAZIO E LE PAROLE Giovane scrittrice genovese ha pubblicato due romanzi per i tipi di Einaudi. Esercita la professione di architetto e tiene laboratori di scrittura creativa presso Officina Letteraria. Il suo romanzo di esordio ha vinto il Premio Kihlgren Opera Prima, il Premio Zocca e il Premio per la Cultura Mediterranea – sezione Narrativa Giovani. A cura di Clelia Tuscano

Mercoledì 6 Dicembre / ore 21,00Salone del Minor Consiglio, Palazzo Ducale ADRIAN PACI: SPOSTAMENTI E APERTURE Artista attivo sulla scena internazionale vive fra Milano e Scutari, luogo natale, dove ha fondato la sua Art House, luogo di sperimentazione e comunicazione dell’arte. Le sue opere (dipinti, elaborazioni fotografiche, video) affrontano temi di grande rilevanza ed impatto sociale; sono state esposte al Moma, alla Tate Modern, al Jeu de Paume, al MAXXI, al PAC.A cura di Clelia Tuscano.