Quantcast
Nella buona e nella cattiva sorte

Mare e monti: Portofino e Canazei, il gemellaggio che non ti aspetti. Prezzi a parte

Le due "perle" ora fraterne nello sviluppo del turismo, d'elite, ovviamente

canazei

Genova. Alla presenza del consiglio comunale riunito, il quale ha votato favorevolmente all’unanimità, il Comune di Portofino ha deciso di legarsi, in uno storico gemellaggio, con il Comune di Canazei.

Canazei, comune italiano del Trentino Alto Adige con 1908 abitanti, e Portofino, pur essendo rappresentativi uno per l’aspetto montano e l’atro per quello marittimo, sono accumunate da un epiteto, un soprannome: “Perla”. Una delle dolomiti e l’altra del Tigullio.

Nel corso di tutto il 2017, le due Amministrazioni, hanno deciso di intraprendere un percorso comune che potesse legare i due territori in maniera forte, decisa.
L’intento è quello che vuole unire Canazei a Portofino e finalizzato, come si legge nella delibera da pochi giorni sottoscritta, a promuovere la collaborazione delle persone, entità turistiche e comuni per lo sviluppo dei territori, a portare avanti scambi e condivisioni di esperienze in ambito turistico, ricreativo e culturale, oltre a realizzare di progetti comuni e rafforzare il legame tra i due “popoli”.

“Siamo felici e soddisfatti – sottolinea il Sindaco di Portofino Matteo Viacava – di poter dare notizia di questo importante gemellaggio. Dopo il legame creato con Cassis adesso il nostro Borgo va a stringere un’unione forte e duratura con un Comune a respiro internazionale come Canazei. Ma non finisce qui, quello con il comune delle Dolomiti non è l’ultimo intreccio di rapporti culturali, turistici e territoriali. Portofino guarda anche fuori dall’Italia, fuori dell’Europa. Diciamo oltre oceano. Ne vedrete delle belle”.

Canazei (Cianacéi in ladino) è un comune italiano di 1 908 abitanti della provincia di Trento ed è situato all’estremità settentrionale della Val di Fassa, al confine con le province di Bolzano a nord e Belluno a est. Incastonato fra importanti gruppi dolomitici è circondata dalle vette dolomitiche del Sassolungo, della Marmolada, e del Gruppo del Sella.

È una nota località per il turismo invernale (sci di discesa e scialpinismo) e il turismo estivo (escursionismo, alpinismo), la più costosa della Val di Fassa. Fa parte del carosello sciistico Sella Ronda, che collega le valli dolomitiche vicine e i comuni Selva di Val Gardena, Corvara in Badia, Livinallongo del Col di Lana.