Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

La Genova Calcio cade e perde il primo posto risultati

Biancorossi battuti in rimonta ad Imperia e superati in classifica dal Vado. Vittorie importanti per Serra Riccò e Sestrese

Campionato pieno di emozioni quello di Eccellenza con continui cambi al comando e tanti gol. L’ottava vittoria di stagione vale al Vado la vetta solitaria della classifica. L’undici di Luca Tarabotto ha infatti espugnato il “Rino Colombo” casa del Real Valdivara ed ha preso i tre punti pesantissimi. Eroe di giornata il numero 10 Mengali che firma una doppietta decisiva. Per i levantini invece la classifica torna a preoccupare.

Genova Calcio Vs Vado Eccellenza Girone A

La testa della classifica parla savonese anche grazie alla vittoria del Pietra Ligure nel derby contro l’Albenga in una partita che pareva decisa fino ai minuti finali, ma che i bianconeri sono stati bravi a riaprire, salvo subire la beffa in piena zona Cesarini.  La gara è equilibrata infatti, e gli ospiti, dopo il vantaggio di Zunino al 26°, riescono a contenere la reazione ingauna. La squadra di Biolzi, però non dermorde e viene premiata all’89° dal guizzo di Perlo che impatta il parziale. Sembra tutto concluso, invece Rossi,  entrato dalla panchina, appena un minuto dopo trova lo spazio giusto per battere il suo omonimo portiere dell’Albenga e regala tre punti al Pietra che vola al secondo posto e manda agli archivi un finale più che rocambolesco.

Crolla la Genova Calcio che in un colpo solo perde gara e primato ad Imperia in quello che si poteva considerare il big match di giornata. Primo tempo equilibrato che i biancorossi iniziano bene prendendo subito in mano la gara. Al 22° Romei è implacabile e firma l’illusorio vantaggio dei genovesi. Nel secondo tempo, però i nerazzurri pareggiano dopo soli 11’ con Daddi che si guadagna e calcia un rigore. La partita prosegue equilibrata, ma alla distanza la Genova Calcio paga il primo tempo giocato ad alti ritmi e lascia spazi che Ambrosini sfrutta alla perfezione ribaltando il match all’83°. La doppietta di Daddi dal dischetto, per il secondo rigore assegnato agli imperiesi, spegne definitivamente le speranze dei biancorossi di tornare a Genova con qualche punto.

Situazione molto difficile in casa Sammargheritese che dopo un buon avvio di campionato, ora stenta a fare punti. Ne approfitta la Rivarolese che si impone con un netto 3-0 restando così agganciata al treno di testa. I giallorossoneri iniziano malissimo la giornata con un rigore procurato alla Sammargheritese dopo appena 3’. Dal dischetto va Marrale che si fa ipnotizzare da Bernini che salva il risultato.

Sfiorato il pericolo gli avvoltoi si riversano in avanti e trovano il gol dell’esperto Chiarabini dopo altri tre minuti. Gli arancioblù sbandano e subiscono anche il raddoppio, firmato Oliviero al 10°. La gara si fa sempre più in salita per gli ospiti che non riescono a trovare il bandolo della matassa e più che cercare il pareggio, devono difendersi dalle sfuriate dei rivarolesi. Al 45° poi Sighieri penetra fra le maglie dei levantini e chiude virtualmente la partita con il 3-0 che sarà il risultato finale.

Nel secondo tempo i padroni di casa si complicano la vita restando in dieci per l’espulsione rimediata da Ungaro, accusato dal direttore di gara di avere simulato e ammonito per la seconda volta. La Sammargheritese, però non c’è ed anzi rischia perfino di subire la quarta rete in un paio di occasioni. Nel finale due conclusioni di Del Cielo, trovano comunque Bernini pronto.

Il Molassana subisce la seconda sconfitta di fila ed è un ko che brucia, visto che i ragazzi rossoazzurri contro la Fezzanese iniziano bene, premono e mettono in difficoltà una delle “grandi” del campionato che alla fine sbaglia qualcosa. Lo dimostra il rigore che arriva al 30° a favore dei genovesi e trasformato da Donati.

Il vantaggio, però dura poco perché al 47° Zavatto impatta e nella ripresa la rete di Lunghi ribalta il risultato che riporta la squadra genovese con i piedi per terra a metà classifica, e consente agli spezzini di restare in scia delle prime.

Ancora una sconfitta per il Rapallo che non sa più fare punti e resta in fondo alla classifica. Contro il Ventimiglia neanche le mura amiche aiutano i bianconeri a fare punti salvezza. A decidere la gara è una doppietta dell’ispirato Salzano che firma due gol di pregiata fattura, mentre prosegue il digiuno del reparto avanzato ruentino che è il meno prolifico del campionato. Sempre in chiave salvezza invece non sbaglia il Serra Riccò che nello scontro diretto con il Moconesi piazza una zampata da tre punti e scavalca proprio il Rapallo in classifica.

I gialloblù impiegano solo sette minuti per penetrare nella difesa biancorossa: la retroguardia del Moconesi libera male e Lobascio non fatica a segnare a porta vuota. Al 20° il raddoppio lo firma Morando che su calcio di punizione dal limite dell’area è implacabile e supera l’incolpevole Meneghello. La reazione dei locali è debole, Baldassarre deve parare un paio di conclusioni del Moconesi, ma il Serra non fatica e al 32° Morando ci riprova su punizione, stavolta il numero uno dei padroni di casa vola e respinge, ma Varvicchio è reattivo e al volo ribadisce in rete per lo 0-3.  Nel secondo tempo il Moconesi gioca certamente meglio, ma come si dice ormai “i buoi sono scappati” e il Serra Riccò tiene bene in difesa, per poi colpire ancora all’89° con Montecucco.

Infine un solo gol, ma fondamentale, permette alla Sestrese di espugnare il campo del Busalla e di prendersi tre punti d’oro in chiave salvezza. La rete arriva dopo solamente 6 minuti grazie a Liguori che trova l’angolo per battere Balbi. Sestrese impegnata nella lotta per risalire la classifica, mentre il Busalla deve ripartire subito per evitare di essere essa stessa risucchiata nei bassifondi.