Il coordinamento

Fiom Genova-Ig Metall: “Sulla siderurgia serve un sindacato europeo”

Da Genova parte il coordinamento tra i consigli di fabbrica Ilva, ThyssenKrupp e ArcelorMittal tra solidarietà alle lotte e preoccupazione per gli scenari in Europa

ilva

Genova. E’ nato a Genova lo scorso giugno, dal 23 ottobre è stato allargato anche ai tre consigli di fabbrica tedeschi di Arcelor Mittal e ora punta ad allargarsi agli stabilimenti del gruppo franco-indiano in Francia e Belgio per arrivare a un vero sindacato europeo.

Si tratta del coordinamento europeo dei consigli di fabbrica della siderurgia che riunisce delegati della Fiom Ilva di Genova e della federazione tedesca Ig Metall di Brema, Amburgo, Duisburg, Eisenhüttenstadt di ArcelorMittal e della ThyssenKrupp. Il coordinamento sta seguendo da vicino il processo di acquisizione dell’Ilva da parte di ArcelorMittal e oltre alla “piena solidarietà ai lavoratori” esprime in nota “preoccupazione per i livelli occupazionali e il futuro degli impianti ArcelorMittal in Germania” con la conseguente “richiesta di un piano industriale europeo per il gruppo ArcelorMittal”.

Il coordinamento che sta organizzando a Genova un appuntamento per inizio dicembre si dà come obiettivo quello di “andare verso un vero sindacato europeo, che coordini e colleghi le lotte a livello europeo e difenda gli interessi immediati e futuri di tutti i lavoratori”.

Più informazioni

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Genova24 è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Genova24 di restare un giornale gratuito.