Quantcast
Il personaggio

Il Comune di Genova dice sì alla cittadinanza onoraria al magistrato antimafia Di Matteo

La proposta del Movimento 5 Stelle

Bruco, il degrado del fratello minore

Genova. Il Comune di Genova conferirà la cittadinanza onoraria al magistrato Nino Di Matteo, sotto scorta dal 1993 per la sua attività antimafia. Lo ha deciso il Consiglio comunale approvando all’unanimità oggi pomeriggio a Palazzo Tursi una delibera proposta dal gruppo M5S.

Il pubblico presente sugli spalti ha accolto l’esito della votazione con un applauso alzando dei cartelli con la fotografia di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino vicina alla scritta ‘fuori la mafia dallo Stato’.

“E’ un punto di partenza, non di arrivo, una vittoria di tutti i cittadini onesti, non del M5S, – sottolinea il capogruppo M5S Luca Pirondini – per rendere consapevoli i cittadini di quanto il fenomeno delle infiltrazioni della criminalità organizzata gravi sul nostro Paese e anche sulla Liguria”.

“Di Matteo è oggi il prosecutore delle indagini su rapporti Stato-mafia iniziate da Falcone e Borsellino – aggiunge – un uomo ancor prima che un magistrato, a cui vogliamo dire che non è solo”. “Condividiamo la proposta del M5S, – commenta l’assessore Matteo Campora in rappresentanza dell’intera Giunta – perché rimarca il valore della legalità e della lotta alla criminalità, che sono comuni a tutte le forze politiche”.

Più informazioni
leggi anche
Bruco, il degrado del fratello minore
Segnale
Il M5S a Tursi propone di rendere il giudice antimafia Nino Di Matteo un cittadino onorario di Genova