Quantcast
Finanza

Carige, salta il consorzio di garanzia per l’aumento da 560 milioni, le analogie con il caso Montepaschi

Questa mattina riunione straordinaria del cda per valutare il da farsi. Possibile una proroga.

Sedi istituzionali e palazzi e piazze simbolo della città

Genova. Con il crollo in borsa di ieri – in fumo quasi l’11% del valore delle azioni – Carige vale circa 144 milioni di euro. Proprio in queste ore avrebbe dovuto scattare, ma per ora è saltato, un aumento di capitale da 560 milioni. Quasi quattro volte il valore della banca stessa.

A essere saltata, in realtà, è la costituzione del Consorzio di Garanzia che dovrebbe garantire, appunto, alla ricapitalizzazione. L’annuncio in prima mattinata, oggi, con un comunicato del gruppo bancario che riunisce, alle 9e30, un consiglio di amministrazione straordinario. Si valuteranno i passi da compiere e “se esistano i presupposti per procedere con il piano di risanamento della banca” o se l’amministratore delegato ipotizzerà un’eventuale proroga. Il titolo è sospeso a piazza Affari.

“Salta il consorzio di banche per l’aumento di capitale da 560 milioni, che avrebbe dovuto garantire l’operazione comprando azioni in caso di parziale insuccesso. A Genova sta andando in scena un copione sempre più simile a quello visto a Siena un anno fa con Monte dei Paschi”, twitta Carlotta Scozzari, giornalista ligure autrice del libro “Banche in sofferenza, la vera storia della Carige di Genova”. Nel dicembre scorso MPS, nel momento in cui stava per attuare la conversione dei bond si trovò con lo stesso problema – mancanza di un consorzio di garanzia – ma decise di procedere ugualmente. Sappiamo come è andata a finire: salvataggio di stato e tagli pesantissimi in vista da qui al 2012. Le due banche hanno situazioni e consistenza molto diverse. Tant’è.

Il consorzio di garanzia, spiegano dalla banca, non ha avuto le piene condizioni per costituirsi nonostante l’ottenimento dell’autorizzazione da parte delle Autorità di Vigilanza e i positivi riscontri ricevuti per l’acquisizione formale di manifestazioni di interesse e di specifici obblighi di garanzia da parte di nuovi investitori istituzionali.

Quello che Carige dovrebbe mettere in atto tra la prossima settimana e la prima di dicembre sarebbe il terzo aumento di capitale in quattro anni.

Più informazioni
leggi anche
Sedi istituzionali e palazzi e piazze simbolo della città
Finanza
Carige, scambi in borsa congelati in partenza, attesa sul prezzo dell’aumento di capitale
Sedi istituzionali e palazzi del governo
Operazione
Carige, iniziata la dismissione del patrimonio immobiliare. Venduto palazzo a Milano per 107 mln
Sedi istituzionali e palazzi del governo
"inevitabile"
Carige, via libera all’aumento di capitale da 560 mln. Fiorentino: “Passaggio obbligato”
Banca Carige
Svelato
Presentato il piano industriale Carige, 1000 posti e 121 filiali in meno entro il 2020
Sedi istituzionali e palazzi e piazze simbolo della città
Ore decisive
Carige, piccoli azionisti in ansia, Cda in corso: giallo sul prezzo delle azioni a 0,01 euro
Sedi istituzionali e palazzi e piazze simbolo della città
La protesta
Carige, martedì 21 sciopero dei dipendenti con presidio in largo Pertini
Bruco, il degrado del fratello minore
Niente panico
Carige, tra i clienti genovesi monta la psicosi collettiva, Consob sospende il titolo per “mancanza di trasparenza”
giunta toti
La crisi
Carige, Toti ottimista: “Patrimonio immobiliare e bilancio sono sufficiente garanzia”