Quantcast
Finanza

Carige, oggi ultimo giorno per esercitare o cedere i diritti: al momento l’80% è stato venduto

L'impressione è che la maggior parte dei vecchi soci, piccoli azionisti, non abbiano voluto partecipare all'aumento di capitale, ma possono essere in corso dinamiche di speculazione

Sedi istituzionali e palazzi e piazze simbolo della città

Genova. Mentre con oggi si chiude la possibilità per i piccoli azionisti Carige di negoziare i diritti di opzione in borsa (esercitarli per acquistare le azioni dell’aumento di capitale, acquistando 60 titoli per ogni azione posseduta, oppure venderli al miglior offerente), si fa sempre più chiaro come la compagine retail della banca sia destinata a cambiare radicalmente.

A metà giornata contrattazioni, a Piazza Affari, sono passati di mano 700 milioni di pezzi. Si tratta di un
ammontare di titoli che dà potenzialmente diritto a sottoscrivere oltre l’80% dell’aumento in opzione da 560 milioni, di cui 60 milioni a servizio della conversione di obbligazioni subordinate.

Il controvalore dei titoli, peraltro, crollati di seduta in seduta da 1,2 euro a 0,004 euro, è di 3 milioni di euro.

I piccoli azionisti rappresentano il 50% circa del capitale della banca, come ha spiegato una settimana fa davanti alla stampa nazionale l’ad Paolo Fiorentino. Gran parte di questa percentuale, peraltro, è composta da soci liguri, legati alla banca da anni di fiducia e da un contratto non scritto con il territorio. Stasera, con la chiusura di Borsa Italiana, si capirà se – dopo i due precedenti aumenti di capitale del 2014 e del 2015 da un totale di 1,65 miliardi – parteciperanno da attori o spettatori al nuovo rafforzamento.

Ricordiamo che gli attuali grandi soci di Carige si sono già impegnati a sottoscrivere quasi 130 milioni. A ciò vanno aggiunti gli impegni presi, dal gruppo Malacalza e da Volpi, a salire rispettivamente dal 17,6 al 28% e dal 6 al 9,9 per cento. Interesse anche dal fondo Algebris, mentre i vertici della banca hanno dichiarato che dovrebbero entrare nell’operazione anche Credito fondiario, Sga e l’investitore che acquisirà Creditis, la società del credito al consumo messa in vendita nell’ambito dello stesso piano di rafforzamento patrimoniale (che vale, complessivamente, un miliardo, attraverso anche la cessione di parte del patrimonio immobiliare e dei NPL, i non productive loans). A riguardo, la gara per aggiudicarsi Creditis è arrivata ad avere una shortlist di due soggetti. Lo ha dichiarato Carige con un comunicato la sera del 28 novembre.

L’aumento di capitale si chiuderà il 6 dicembre.

Più informazioni
leggi anche
Sedi istituzionali e palazzi e piazze simbolo della città
Al lavoro
Carige, Creditis spa, la cessione si avvicina. Individuata shortlist di due acquirenti. Proseguono trattative
Sedi istituzionali e palazzi e piazze simbolo della città
Piazza affari
Carige, giro di boa per l’aumento di capitale: in Borsa scambi impazziti e diritti a picco
Sedi istituzionali e palazzi e piazze simbolo della città
Finanza
Aumento di capitale Carige, in picchiata i diritti d’opzione degli azionisti e domani il Cda sulla cessione di Creditis
Bruco, il degrado del fratello minore
Finanza
Carige nel giorno dell’avvio dell’aumento di capitale, aggregazioni all’orizzonte con “il giusto make up”
Sedi istituzionali e palazzi e piazze simbolo della città
Finanza
Carige è ancora la banca dei genovesi? Cedendo i diritti di opzione gli azionisti storici si fanno da parte
Sedi istituzionali e palazzi e piazze simbolo della città
Ok all'aumento
Carige: impegno da Intesa, Unipol e Generali per 40 milioni di euro