Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Zanimacchia protagonista, il Genoa piega l’Inter capolista

Genoa primavera stellare contro i nerazzurri: Zanimacchia su punizione muove ben tre reti e così i rossoblù agganciano i milanesi in classifica

Arenzano. Una vittoria che vale l’aggancio in classifica: così oggi i Grifoncini del Genoa primavera contro i parietà dell’Inter, un netto 4-2 che ha imposto ai nerazzurri il secondo stop stagionale e che lancia la squadra ligure ai piani alti della classifica. Strepitoso Zanimacchia, vero fautore di ben tre delle quattro reti genoane.

Nel Genoa presente Salcedo, incerto a causa delle ormai frequenti partecipazioni agli allenamenti della prima squadra. Rossoblù in campo con Rollandi; Tazzer, Altare, Seno; Oprut, Sibilia, Karic, Bruzzo, Micovschi; Zanimacchia, Salcedo. In panchina: Bulgarelli, Palmese, Piccardo, Silvestri, Pedersen, Trabacca, Ruben Costa, Insolito, Zola, Gibilterra, De Paoli, Romairone. Per L’inter di Stefano Vecchi si è trattato di un KO pesante, che ne frena la corsa in una classifica che li vedeva in testa fino a sabato mattina. L’Inter era riuscita a passare in testa, prima di essere raggiunta e surclassata dai rossoblù.

A sbloccare il risultato era stato Merola, su assist di Sala; sette minuti dopo, però, l’incertezza del portiere nerazzurro Pissardo su una punizione di Zanimacchia aveva ingannato Nola che, spazzando, aveva sfortunatamente insaccato nella propria porta. 1-1.

La presenza di Salcedo si fa sentire: l’Inter soffre, il Genoa cresce. Al 31′ ancora una punizione di Zanimacchia manda in crisi il portiere nerazzurro. Il pallone colpisce la traversa, carambola su Pissardo e finisce in rete, siglando così il 2-1 per i padroni di casa che chiude la prima frazione di gioco.

A inizio ripresa l’Inter cerca di tornare in partita: al 54′ Merola impegna in angolo Rollandi. Poi Zanimacchia torna a calciare una punizione dal limite: palla rasoterra, barriera beffata e gol del 3-1, che quasi sancisce la resa degli interisti.

La gara scorre per diversi minuti in tranquillità, con poche emozioni: l’Inter non riesce a pressare con efficacia, il Genoa ha la partita sotto controllo. Solo al 90′ qualcosa si incrina, con il destro di Emmers dalla distanza che centra il palo e torna in campo, dove Mutton è il più veloce di tutti, soprattutto della difesa, e riesce a insaccare il 3-2. Due minuti dopo, però, Karin si avventura in contropiede, supera la difesa e mette in rete il definitivo 4-2.

“Nel primo tempo siamo stati bravi in entrambe le fasi, soprattutto in quella di possesso creando diverse opportunità. Nel secondo abbiamo un po’ sofferto il prevedibile ritorno dell’Inter pur rimanendo compatti – dichiara mister Sabatini sul sito della società rossoblù – Il risultato è giusto, i ragazzi hanno voluto questa vittoria. Questa volta i calci da fermo, una soluzione che non ci aveva premiati sinora in maniera significativa, si sono rivelati un fattore che abbiamo sfruttato con l’abilità di Zanimacchia. Complimenti ai ragazzi”.