Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Via Quattrocchi, parte la petizione on line contro la decisione del Comune

La raccolta firme è indirizzata al sindaco Marco Bucci: "Non era un eroe ma un militare professionista conscio dei rischi che correva"

Genova. Una raccolta firme da consegnare al sindaco di Genova Marco Bucci, contro la decisione presa dall’ente durante la scorsa seduta del Consiglio comunale di Genova di dedicare una via o una piazza a Fabrizio Quattrocchi, contractor morto in Iraq per mano di miliziani.

Questo l’intento della petizione online partita in queste ore sul famoso sito dedicato a queste iniziative Change.org. A lanciare l’iniziativa i Pacifisti dell’ora in silenzio per la pace, il Circolo 30 Giugno, la federazione genovese di Rifondazione Comunista, l’Altra Liguria e Liguria Possibile.

PRC Federazione di Genova – L’Altra Liguria – Circolo 30 giugno – Liguria Possibile – Pacifisti dell’ora in silenzio per la pace

“Con tutta la pietà umana dovuta ad un uomo ucciso violentemente non possiamo dimenticare che stiamo parlando di un mercenario (più elegantemente un “contractor”) – si legge nella descrizione della pagina di raccolta – cioè di un soldato professionista che ha preso denaro per partecipare ad una guerra, scatenata in un paese straniero, l’Iraq, sulla base di falsi ritrovamenti di armi chimiche, una Guerra a cui l’Italia ha partecipato in palese contrasto con l’Art.11 della nostra Costituzione. Stiamo parlando, quindi, non di un eroe che ha sacrificato la propria vita per salvarne molte altre, ma di un militare professionista conscio dei rischi che poteva correre”.

L’obiettivo delle firme sarà quello di chiedere al Comune di Genova di “retrocedere dal proprio proposito”. Nei fatti, essendo la decisione stata presa in sede di Consiglio comunale, un’eventuale “passo indietro” dovrebbe “passare” nuovamente dalla Sala Rossa.