Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

La Vecchiaudace liquida la Calvarese ed è prima in solitaria risultati

Grande prestazione dei biancoblù che volano in vetta e restano imbattuti. Vittoria rocambolesca del Bogliasco a Varazze. Bene anche Isolese e Voltri 87

Il Vecchiaudace Camporone vince la sua quarta partita consecutiva ed ora è sola in testa al campionato di Prima Categoria, girone c. I biancoblù di mister Diego Verardo hanno infatti vinto lo scontro diretto contro una delle squadre che meglio si erano comportate sino a qui: la Calvarese di Alessio Porro.

In una gara che riserva poche emozioni durante un primo tempo lento e molto bloccato, la girandola di emozioni vive di momenti chiave. Nello specifico i primi 15’ della ripresa vedono susseguirsi tre reti. I locali passano al 47° con Flori che trasforma un rigore guadagnato da D’Errico poco prima. Meno di dieci minuti dopo De Montis vede smarcato Casanova, lo serve e trova il compagno pronto a ribadire in rete per il raddoppio biancoblù. La Calvarese riapre subito la partita, però con Malatesta che pesca il jolly con una conclusione dal limite dell’area, nulla da fare per Dellepiane.

Da qui i biancorossi cercano il pareggio, ma il Vecchiaudace regge l’assalto e contrattacca in maniera decisiva al 73° grazie a Casanova, ma soprattutto grazie a Draghici che serve al compagno una gran palla dopo una splendida azione personale. Finisce 3-1, a nulla servono le folate finali degli ospiti che devono masticare amaro per la loro prima sconfitta dell’anno.

Ci sono sconfitte che nel calcio fanno bene. Evidentemente la scoppola subita dal Voltri 87 due settimane fa dal San Gottardo è servita per un cambio di approccio alle gare dei biancocelesti che con l’1-0 odierno al Via dell’Acciaio salgono a 9 punti in piena corsa per la vetta. Inizio stentato da entrambe le squadre, gli ospiti dimostrano un po’ più di intraprendenza, ma Primerano è sveglio e chiude in anticipo le giocate ficcanti dei rossoblù. Unico vero brivido dei primi 45’, la punizione di Piromalli che passa non troppo sopra la traversa del numero uno locale.

Nel secondo tempo iniziano meglio i ragazzi di Pecoraro, ma l’azione di Giuggioloni nell’area avversaria termina con un nulla di fatto quando tenta di servire Gesi, palla liberata dalla difesa. Dopo meno di cinque minuti arriva il gol che deciderà la gara: su calcio d’angolo Sangineto è il più abile a farsi trovare sulla traettoria del pallone, colpo di testa deciso, ma la sfera colpisce la traversa. Poco male perché ricadendo rimbalza sulla spalla dell’incolpevole Pittaluga ed entra in porta. Via dell’Acciaio che poi non riesce a creare vere occasioni, il gol galvanizza i padroni di casa che riescono a gestire il punteggio sino al triplice fischio.

Molto bene anche l’Isolese che dimostra di avere un reparto offensivo in gran forma. 7 reti nelle ultime due gare e nove punti in classifica per i biancoverdi che hanno espugnato oggi il “San Giorgio”, casa del Prato. Anche qui il primo tempo viaggia su binari paralleli tra due squadre che si temono. Nella prima mezzora un’occasione per parte con due colpi di testa (di Serpe e Rossetti), evidenziano l’equilibrio.

Al 38°, però cambia tutto perché il numero 9 ospite stavolta è letale sul cross dalla fascia di Matranga, deviazione vincente e 0-1. Dopo il lampo biancoverde la gara torna nei ranghi sino al 67° quando su azione quasi fotocopiata, Matranga ripesca in area il compagno di squadra che è ancora una volta decisivo per lo 0-2. Il Prato non ci sta, si spinge in avanti, ma senza produrre nulla di davvero significativo. Così Savaia sfrutta al meglio gli ampi spazi lasciati dalla retroguardia rossonera per infilare Zampardo e fissare il punteggio sullo 0-3.

Festa in casa Ravecca per la prima, sudata vittoria del campionato. Contro un San Gottardo imbattuto fino ad oggi arriva una vittoria di misura che sta a dimostrare la tenacia dei ragazzi di mister Napolitano. Vittoria che i biancoblù meritano se non altro per le nitide occasioni avute in precedenza con Dassereto sprecone dopo soli cinque minuti a tu per tu con Bertulessi, duello che si rinnova più tardi con il portiere ospite impeccabile sulla conclusione dell’attaccante. Anche Ascoli entra nella schiera degli spreconi con un incredibile errore balistico con la porta sguarnita. Alla fine la risolve Ruiz su calcio di rigore, regalando tre punti tutto sommato meritati al Ravecca.

Vittoria anche per lo Sciarborasca che vince una gara dura e molto equilibrata contro la Caperanese. Succede tutto nella ripresa con un rigore assegnato ai gialloblù che Nava, però si fa respingere. Sul pallone si avventa Angella che ribadisce in porta il vantaggio dei padroni di casa. La Caperanese prende poi le redini del gioco, ma nel finale, probabilmente a causa del grande sforzo profuso, lascia ampi spazi agli avversari che al 91° raddoppiano con Galasso per il definitivo 2-0.

Vittoria all’inglese anche per lo Stella Sestrese che batte il Begato in casa con una rete per tempo. Al 17° è Casu a mandare avanti i verdiblù. Il raddoppio arriva ad inizio ripresa con Aufiero che trova la via giusta e fa 2-0. Begato in crisi così come il Cà de Rissi, fermo a zero punti dopo quattro giornate. Il quarto ko di fila arriva in casa per mano della Sampierdarenese, anch’essa in difficoltà prima di questa gara.

I locali in realtà partono bene e al 26° passano con un rigore di Barbieri. Neanche il tempo di rifiatare e la Sampierdarenese impatta con una gran rovesciata di Carrubba. I lupi ci credono e attaccano, venendo premiati al 33° da un bel diagonale di Rossi che infila Lusardi. 1-2 e squadre negli spogliatoi, dai quali uscirà solo la Sampierdarenese che infatti dopo neanche un minuto chiude i conti con Carrubba che trasforma il secondo rigore di giornata. Nel finale c’è ancora tempo per una bomba di Rizqaoui che dal limite coglie la traversa legittimando ancor di più la vittoria finale dei rossobianconeri.

Infine la festa del gol oggi è a Varazze con ben 8 reti e una gara in cui non sono mancate le emozioni. In campo contro i nerogialloazzurri, scendeva il Bogliasco in cerca di punti e riscatto a livello morale dopo la penalizzazione della gara persa a tavolino nella prima giornata ed il ko di domenica scorsa.

Pronti via ed ecco che le squadre si affrontano da subito a viso aperto, ma è il Varazze, deciso a smuovere una classifica che li vede languere sul fondo ad andare a segno per ben due volte. Chi crede alla iella faccia gli scongiuri perché le reti arrivano al 13° ed al 17° entrambi dai piedi sapienti di Mori. La sfortuna non ha nulla a che fare con la rete di Veroni che accorcia il risultato al 22°. Men che meno sul rigore ingenuto regalato dalla difesa varazzina al Bogliasco al 38°. Rattini lo trasforma e al rientro in campo è pronto ad invertire la rotta siglando il terzo gol biancorosso al 54°.

Varazze che non ci sta e si getta in avanti trovando ancora una volta in Mori il proprio paladino con il gol del 3-3 al 70°. Con venti minuti da giocare tutto può accadere e in effetti accade, ma solo negli ultimi istanti con il nuovo vantaggio di Ciliberti all’89° e il gol di Moretti che spegne le residue speranze dei padroni di casa al 92°. Finisce 3-5 con il Bogliasco che si gode una ritrovata fiducia nei propri mezzi e un Varazze che sa di avere meritato di più, ma anche che le partite non finiscono al 45°.