Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Torna la BIOdomenica al Porto Antico di Genova

Nella suggestiva cornice della Piazza delle Feste, sotto la tensostruttura avrà luogo la diciottesima edizione della rassegna dedicata all’universo del Biologico.

Più informazioni su

Genova. Torna la BIOdomenica, al Porto Antico di Genova, sabato 7 e domenica 8 ottobre 2017. Nella suggestiva cornice della Piazza delle Feste, sotto la tensostruttura ai piedi dell’ascensore panoramico del Bigo, avrà luogo la diciottesima edizione della rassegna dedicata all’universo del Biologico. L’ingresso è gratuito.

Nel corso di tutto il weekend si approfondiranno tematiche dalle quali dipendono il nostro benessere, inteso nel senso più esteso del termine: psicofisico, alimentare, ambientale.
Tra le proposte del ricco programma: ristorazione biologica, produttori locali, orientamento professionale, metodi per una agricoltura alternativa, laboratori.

Per assaggiare, conoscere, provare e capire il BIOlogico. Un vero e proprio modo di approcciarsi a una filosofia, della quale, una volta scoperta, è difficile fare a meno.

La manifestazione ha riscosso nel tempo un grande successo, come testimonia la sempre crescente attenzione al tema, non più un fenomeno di nicchia, ma una vera e propria assunzione di consapevolezza, etica e alimentare.

Sono previsti al Porto Antico di Genova diversi espositori, tra allevatori e coltivatori. Il pubblico potrà anche assaggiare e scoprire il mondo biologico ligure attraverso le proposte degli stand enogastronomici.

“Siamo nati a Genova nel 1998, quando la parola “biologico” era solo un aggettivo legato a un progetto di agricoltura e di alimentazione, per così dire, alternative – spiega Stefano Chellini, presidente di AIAB Liguria – Oggi Biologico è un modo di lavorare, di nutrirsi, di fare economia reale, in armonia con le risorse del territorio. Una scelta matura che ha operato una vera rivoluzione culturale negli addetti ai lavori e nell’opinione pubblica. La nostra missione è contribuire alla diffusione di questi temi per costruire passo dopo passo una nuova sensibilità alimentare e ambientale.”

Aiab Liguria annovera 200 associati tra coltivatori, allevatori e tecnici che compongono AIAB Liguria e in essa hanno trovato un punto di riferimento per la tutela della loro attività e uno strumento per la valorizzazione del sistema di valori legati all’utilizzo responsabile del territorio.