Attacco sui social

Tentato violenza Pegli, Rixi: “Castrazione chimica e galera, altro che regalare cittadinanza”

Il segretario ligure del carroccio coglie la palla la balzo e torna ad attaccare "Ius soli"e accoglienza

rixi

Genova. Il segretario ligure della Lega Nord e assessore regionale allo Sviluppo economico Edoardo Rixi chiede “la castrazione chimica e la galera da scontare nel suo Paese” per il clandestino arrestato a Genova con l’accusa di aver tentato di violentare in auto una ragazza di 24 anni a Pegli.

Secondo il leghista, che si è espresso sulla sua pagina Facebook, l’uomo è da considerare “una bestia senza valori e senza rispetto per la vita e la dignità umana”. “Se qualche buonista sta già pensando: poverino, non lo sapeva che non si stupra, che non si rapina, in fondo in fondo è colpa nostra vada a farsi vedere da uno bravo.

Rixi, infine, non perde l’occasione per tornare sulla polemica legata allo “Ius soli”, mescolando alla vicenda il tema dell’accoglienza: “Questo è il sottoprodotto di un’accoglienza fuori controllo, altro che regalare la cittadinanza. Bisogna cambiare e alla svelta”.

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Genova24 è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Genova24 di restare un giornale gratuito.