Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Il Sestri suda, corre, soffre, ma vince

Grande iniezione di fiducia per i ragazzi di Amoroso che superano l'ostacolo Finale in Coppa Italia con una gara di qualità e quantità

Non è la prima volta che una squadra si dimostra più in forma in coppa rispetto al campionato. Perciò stupisce in modo relativo questo Sestri Levante che vince in casa nei trentaduesimi di finale di Coppa Italia contro un buon Finale. Con squadre infarcite di giovani e “seconde linee” sono i rossoblù a prevalere alla fine di una gara tutto sommato equilibrata.

I giovani corsari scesi in campo hanno fame e mente sgombra dalle problematiche di un campionato che non è partito al meglio con appena 5 punti in altrettante partite. Però dopo lo scalpo del Real Forte Querceta, i corsari si prendono anche quello dei giallorossi finalesi. Nessuno dei ventidue giocatori scesi in campo ha qualcosa da perdere. Ne consegue una gara bella, frizzante, slegata da tatticismi e preoccupazioni.

Il vantaggio iniziale è dei locali con Gargano che, al 22°, premia la sgroppata dell’ex Sporting Recco Angelotti sulla sinistra. Cross in mezzo, il Finale si dimentica del giovane attaccante in mezzo all’area che può insaccare senza neanche essere contrastato. La risposta dei ponentini arriva prima della pausa, al 44° ancora su un cross, ma stavolta da calcio d’angolo. Scarrone interviene tempestivamente sul tiro dalla bandierina di Roda e fa 1-1.

Nel secondo tempo le squadre proseguono su ritmi alti facilitati anche dalla giornata di clima mite, ma sono i padroni di casa ad essere più incisivi ancora una volta con Serra Sanchez che delizia il pubblico con un tiro al volo un bel cross dalla fascia. Siamo al 57° e la partita sostanzialmente si decide qui. In realtà poi il Finale tenta un nuovo assalto che perdurerà fino all’ultimo secondo di partita. Buttu, allenatore dei finalesi lancia in mischia Leo e Capra, due dei titolari ed effettivamente la spinta giallorossa mette in difficoltà il Sestri che arretra e decide di chiudersi a riccio.  Due occasioni ancora per Scarrone e Capocelli, ma soprattutto la bella azione personale di Capra, che non riesce a concludere chiuso ottimamente dagli attenti difensori rossoblù, sono i momenti in cui corsari rischiano maggiormente.

Al triplice fischio il Sestri sa di avere portato a casa una vittoria, ma anche tanta fiducia, con un gruppo di giovani che sa il fatto proprio e soprattutto dimostra di saper soffrire per difendere il risultato. Nel prossimo turno i sestresi incontreranno il temibile Gozzano che sta facendo un ottimo campionato nel girone A. Per il Finale la consapevolezza di averci provato fino alla fine ed avere onorato la coppa.