Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Scherma, Mara Navarria vince la prima prova di Coppa del Mondo

"Sono davvero felicissima, perché è un successo che avevo inseguito a lungo e di cui avevamo tutti bisogno”

Rapallo. Comincia nel migliore dei modi possibili la stagione di Coppa del Mondo di Mara Navarria. La spadista friulana che si allena al Club Scherma Rapallo con il maestro Roberto Cirillo vince la prima prova stagionale a Tallinn, in Estonia, e lo fa portandosi via due scalpi eccellenti. Se in finale, infatti, è arrivata la vittoria sulla russa Tatiana Gudkova, campionessa del mondo, in semifinale era già arrivata quella contro l’ungherese Emese Szasz, oro olimpico a Rio 2016.

Esemplare la condotta di gara di Mara Navarria, che dopo essersi garantita il podio superando agilmente i primi quattro assalti di giornata (15-6 nel derby con Nicol Foietta, 15-7 alla statunitense Kathy Holmes, 15-8 alla vicecampionessa del mondo Ewa Nelip, 15-7 alla svizzera Laura Staheli), ha affrontato con intelligenza e bravura le due sfide più complicate. Contro Szasz è partita forte, volando sul +5, per poi essere capace di gestire il match anche quando l’ungherese era riuscita a riaprirlo fino al -1. Contro Gudkova era partita sotto 3-0, ma ha saputo ricucire lo strappo per poi andare via e chiudere in controllo.

Per Navarria si tratta del quarto successo in Coppa del Mondo in carriera, il primo dopo 18 mesi di astinenza. Il primo di una stagione che la vede partire fuori dal quartetto azzurro (l’ultima volta fu nel 2013, per maternità).

Non potevo sperare in un inizio migliore – ha detto immediatamente dopo la vittoria -. Sono stata costretta ad iniziare ieri dalla fase a gironi. Dopo aver vinto tutti gli assalti ed essere approdata direttamente al main draw, sono uscita dal palazzetto e prima di rientrare in hotel sono andata sul mar Baltico. Lì ho ricercato la concentrazione ed un po’ di ispirazione che oggi mi sono state utilissime. Ho avuto buone sensazioni sin dal primo match. Ho provato a cambiare spesso la mia scherma nel corso degli assalti e questo ha creato difficoltà alle mie avversarie. Sono davvero felicissima, perché è un successo che avevo inseguito a lungo e di cui avevamo tutti bisogno”.