Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Prendono il via le lezioni della Scuola di Politiche di Genova: sui banchi 90 futuri leader

Sono stati selezionati gli ammessi al corso gratuito che si svolgerà all'interno dell'Università di Genova

Genova. Il comitato di Garanzia composto da Enrico Letta, Paolo Comanducci, Roberto Cingolani e Maria Chiara Carrozza, ha selezionato gli ammessi alla prima Scuola di Politiche Liguria, un’iniziativa apartitica, nata dall’idea dell’ex premier Enrico Letta di offrire una opportunità di formazione a giovani di talento.

“Il team organizzativo della SdP Liguria sta lavorando con molta dedizione e attenzione per fornire agli studenti delle lezioni altamente formative e con contenuti che possano dare un senso effettivo alla politica” afferma Vittoria Canessa, Responsabile Comunicazione e Relazioni Esterne, Scuola di Politiche Liguria ed ex-allieva della Scuola nazionale

Il corso, riservato ai 90 studenti selezionati fra le centinaia di candidature pervenute, proprio questa mattina con una Lectio inaugurale dal titolo “Una ripresa senza crescita. L’economia europea e italiana di fronte alle nuove sfide” tenuta da Paolo Guerrieri, economista e membro del Consiglio Scientifico della Treccani e si concluderà tra maggio e giugno 2018.

Le lezioni si terranno sempre presso la sede dell’Università di Genova (Via Balbi 5, Genova). Introdurranno la prima lezione il parlamentare Lorenzo Basso, responsabile della Scuola di Politiche Liguria e Marco Meloni, direttore della Scuola di Politiche Nazionale che racconterà agli studenti la storia e il progetto nato nel 2015 dalla felice intuizione di Enrico Letta.

“Ci ha sorpreso il grande numero di candidature e soprattutto la loro elevata qualità” afferma Lorenzo Basso “concordi con il Comitato di Garanzia, abbiamo quindi deciso di raddoppiare l’impegno e attivare, esclusivamente per questo primo anno, due classi di giovani liguri che da domani potranno confrontarsi con protagonisti dei media, delle istituzioni e dell’accademia di livello nazionale ed internazionale.”