Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Migranti a Multedo, Uil e Uilm: “Ci dissociamo dalla Fiom, noi dalla parte dei cittadini”

Genova. A seguito dei fatti accaduti ieri la Uil Liguria e la Uilm Genova “esprimono la loro vicinanza e solidarietà agli abitanti di Multedo presenti al corteo. Nei giorni scorsi ci era stata chiesta l’adesione da parte della Fiom per la prima contro-manifestazione e già allora avevamo respinto la richiesta al mittente. Dopo aver visto le immagini di ieri siamo ancora più convinti della nostra scelta” affermano i sindacati in una nota.

“Ancora una volta questa organizzazione sindacale confonde il sindacato con la politica inserendosi in un dibattito tra gli abitanti di Multedo e amministrazione pubblica che nulla aveva a che fare con problemi di natura sindacali. Quello che sorprende è che tutto ciò lo fa con la prepotenza, disturbando una manifestazione pacifica alla quale hanno preso parte donne e bambini – affermano Uilm e Uil -. La Fiom con questa operazione non fa altro che imbarbarire il clima, poiché sotto il grido di razzisti offende centinaia di cittadini che invece ponevano una questione più complessa e legittima, riguardo l’utilizzo di un edificio del loro quartiere”.

“Il tema dell’accoglienza all’immigrazione – si legge nel comunicato stampa – è delicato e in tutte le comunità si discute per trovare le migliori soluzioni per un’accoglienza e un’integrazione pacifica. E’ sbagliato allora etichettare una comunità con questa faciloneria ma solo così, solo con lo scontro e la radicalizzazione la Fiom riesce ancora una volta a ottenere notorietà che cerca, a scapito degli altri. Per queste ragioni Uil e Uilm si sono dissociate per non mischiare i temi politici con quelli sindacali”.