Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Migranti a Multedo, saranno solo 25. Garassino: “Il primo accattone che vedo lo prendo a calci nel sedere”

Don Giacomo Martino: “Per sconfiggere la paura bisogna incontrarsi”. Il trasferimento la prossima settimana

Più informazioni su

Genova. Saranno solo 25 e non più 50 e arriveranno probabilmente la prossima settimana i profughi nell’ex asilo Contessa Govone di Multedo, la struttura presa in gestione dall’Ufficio Migrantes della Curia. La proposta, arrivata direttamente dal cardinale Bagnasco è stata riportata oggi da don Giacomo Martino alla riunione a cui hanno partecipato il sindaco di Genova Marco Bucci, l’assessore alla sicurezza Stefano Garassino, il vice prefetto e il comitato di Multedo.

“Per sconfiggere la paura bisogna incontrarsi” ha detto don Giacomo all’uscita spiegando anche che “si era creata troppa tensione e questa proposta speriamo venga accolta dagli abitanti perché non dimentichiamo che al di là dei numeri queste sono persone che già sono state trasportate qua e là. Se proprio stasera ci fosse un secco no, lunedì o martedì ci rivedremo qui”. Ma il direttore del centro Migrantes fa capire che oltre la Curia non può andare perché “abbiamo provato a cercare altre strutture disponibili ma non ne abbiamo trovate” Gli altri 25 resteranno invece per ora in seminario. “La proposta – ha spiegato il presidente del municipio Claudio Chiarotti – verrà riportata questa sera dal comitato agli abitanti di Multedo”.

“Sicuramente non saranno cinquanta perché il numero è troppo alto per un quartiere che ha già troppi problemi come Multedo – dice l’assessore Garassino – e pur non volendo mettere in dubbio l’opera meritoria di chi finalmente li porterà a scuola, dopo un mese faremo uno step con il sindaco i comitati e la prefettura e se qualcosa non va interverremo. E’ chiaro che il primo accattone che vedo lo prendo a calci nel sedere”.

Fuori dal tavolo di confronto sono rimasti i rappresentanti del comitato pro accoglienza.