Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Migranti a Multedo, martedì nuova fiaccolata contro il centro nell’ex asilo Contessa Govone

La protesta non si ferma: nuovo rischio di contromanifestazioni

Più informazioni su

Genova. Non ci pensano proprio a fermarsi gli abitanti di Multedo e dopo la manifestazione di martedì hanno deciso di tornare in piazza con una nuova fiaccolata. “Questa fiaccolata nasce dal desiderio di ribadire a Curia e Prefetto che l’ex Asilo Govone , sottrattoci come scuola dell’infanzia 2 anni fa, non è idoneo all’insediamento di un Centro di accoglienza: Multedo, unita dice no!!” scrive Simona Granara del comitato di cittadini che già ha organizzato l’evento della scorsa settimana. “Viviamo in un quartiere ricco di servitù e senza servizi non abbiamo nulla da offrire a chi invece avrebbe bisogno di molto. La vera accoglienza richiede lavoro sui singoli, non sulle masse, altrimenti tutto si riduce a business e noi diciamo no al business delle persone. Diciamo no a un insediamento avvenuto senza avviso in un clima difficile da parte di chi dovrebbe tutelare la nostra sicurezza.
Sono benvenuti i politici di qualsiasi schieramento che vogliano mostraci la loro vicinanza senza esporre le loro bandiere e cittadini di altri quartieri che vogliano unirsi al nostro dissenso, vi aspettiamo numerosi”.

A rispondere per primo il movimento di estrema destra Casapound che ha già annunciato l’adesione all’iniziativa ribadendo: “Siamo e saremo dalla parte dei cittadini di Multedo. Con buona pace della Curia, della Fiom, delle cooperative rosse e di tutti quelli che intendono arricchirsi sul business dell’accoglienza. Saremo a Multedo per restituire ai cittadini la libertà di gestire il proprio quartiere e le proprie tasse. È un impegno che ci prendiamo anche nel caso Tursi soccomba alle solite logiche di convenienza. Prima vengono gli Italiani.”

Da vedere se questa nuova protesta vedrà ancora una volta gli assessori della giunta Bucci scendere in piazza oppure se sceglieranno di tenere questa volta un profilo più basso. Dopo le tensioni con la Fiom della settimana scorsa e il presidio dei centri sociali a Pegli il timore è che anche questa seconda manifestazione crei nuove polemiche e contro proteste.

L’appuntamento è per martedi 24 alle 19.30, probabilmente ai giardini Lennon anche se il percorso dovrà essere nuovamente concordato con la Questura.