Quantcast
Pallanuoto

Locatelli ancora corsara al torneo di Villingen

Nell'anno in cui le ragazze non salgono sul podio ci pensano i colleghi maschi a perpetuare la tradizione vincente nel torneo tedesco

Varie Sport

Ci sono competizioni i cui una squadra fa meglio che in altre. Il torneo di Villingen è proprio il caso della Locatelli che si prende il 13° trofeo in altrettante edizioni. Non sono state le donne, però ad imporsi, bensì i colleghi maschi che vanno così a completare una stagione da ricordare con la promozione in Serie B.

I ragazzi di coach Picasso (che pure era assente, così come il capitano Marco Trucco) hanno messo in mostra tecnica, classe e soprattutto una grande mentalità che ha permesso loro di imporsi in terra tedesca. L’avventura dei genovesi è iniziata con un perentorio 10-0 rifilato al Durlach-Ettlingen nel match d’esordio per poi rifilare un altro chiaro 8-4 ai Freiburg e un 8-3 ai greci del Foivos Salonicco.  Più dura la finale contro gli svizzeri dell’Aquastar (che annoverano fra le proprie fila l’espertissimo campione Vlad Hagiu) che hanno costretti i biancorossoblù ai rigori dopo che il tempo regolamentare si era concluso sul 3-3.

Non è andata bene alle ragazze invece, visto che con una squadra infarcita di giovani e giovanissime hanno ceduto subito alle Blue Weiss Bochum per 5-1. Le tedesche poi andranno a vincere il torneo, mentre le liguri si sono riscattate con il Basilea, mandato ko con un netto 7-2 e con le Canottieri Milano in un derby italiano conclusosi 5-3 per le lontre. Nell’ultimo incontro del girone poi è arrivata anche il pareggio con il Winterhur, fresco vincitore della Coppa di Svizzera, nel cui match hanno giocato una 2001, tre 2003 e una 2005. Solo il fatto che in Germania le vittorie valgano 2 punti e non 3 come in Italia, ha costretto le genovesi al 4° posto.

Soddisfazione comunque per Emanuela Mori che vince la classifica cannonieri e Faultköenigin. Anche il tecnico Stefano Carbone alla fine si dice abbastanza soddisfatto: “Come sempre Villingen conserva un grande fascino ed una grande occasione di divertimento oltre che rappresentare un piccolo test di inizio stagione. Se il buon giorno si vede dal mattino direi che siamo all’alba di un’epoca felice per il nostro club:I ragazzi sono stati davvero molto bravi e maturi nel condurre praticamente autogestiti un torneo splendido, e le ragazze con una formazione profondamente rinnovata e ringiovanita (nell’ultimo incontro avevamo una età media del sette base inferiore a 16 anni) hanno ottenuto un secondo posto non meno importante di tante vittorie passate, insomma, al momento possiamo dirci soddisfatti, la stagione promette bene, speriamo mantenga le promesse”

Più informazioni