Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Inaugurazioni sedi ultradestra, antifascisti in piazza sabato 7 ottobre: “Non gli permetteremo di aprire”

In tanti in piazza De Ferrari ma mancano Anpi, Pd e Cgil. Una studentessa: "Tornate a parlare alle scuole"

Genova. “Manteniamo il presidio del 7 ottobre nella zona di via Serra a partire dalle 15. Quello che faremo quel giorno lo decideremo tutti insieme nelle prossime ore e nei prossimi giorni”. Sono in tanti in piazza De Ferrari gli antifascisti che hanno aderito alla chiamata dell’assemblea antifascista.

“Non permetteremo in nessun modo ai covi fascisti di aprire – dicono i rappresentanti dell’assemblea che chiariscono di “essere aperti a tutti gli antifascisti”, nonostante, come era scontato, si susseguano negli interventi le critiche al Pd e al ministro dell’Interno Minniti. Oltre al mondo antagonista e delle associazioni ci sono in piazza i rappresentanti dei partiti della sinistra istituzionale, mentre spicca – ma anche questa era scontata – l’assenza dell’Anpi che lunedì in assemblea ha chiarito la sua posizione: saranno in piazza il 28 ottobre per una manifestazione simbolica contro la marcia su Roma di Forza Nuova.

“Anpi dove sei?” recita infatti ironico un cartello. Dal microfono si susseguono gli interventi, tra cui suscita applausi quello dell’ultranovantenne partigiano Remo che ha cantato Bella Ciao e ha ricordato di aver fatto parte della Brigata Berto: “Non eravamo né ribelli né Banditi, eravamo dei patrioti – ha detto – e vorrei che voi continuaste sulla nostra strada”.

Tra gli interventi più nitidi quello di Irene, studentessa del liceo Deledda: “Riprendetevi le scuole – ha chiesto rivolta agli antifascisti – perché ci sono solo i ‘pulcini’ di Casapound e manca qualcuno che parli agli studenti”. “Nella mia scuola – ha spiegato poi a margine dell’intervento – siamo fortunati e c’è anche un collettivo ma quasi ovunque non è più così e soprattuto manca qualcuno che riesca a tenere le scuole tutte insieme”.

assemblea antifascista

L’assemblea si è aggiornata alle prossime ore per definire nei dettagli il presidio di sabato. Da vedere se Arci e soprattuto la Cgil deciderà di scendere in piazza, ma la posizione del sindacato è stata finora sfuggente. Nel frattempo sull’ultradestra l’assemblea antifascista ha preparato anche il primo capitolo di dossier dedicato alla Superba/Lealtà Azione (Scarica il dossier superba).