Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Giampaolo salta le interviste, Pradè celebra il record di vittorie di fila risultati fotogallery

Genova. Quinta vittoria di fila nelle prime cinque partite in casa, non era mai accaduto, un record celebrato anche da Daniele Pradè, direttore tecnico della Sampdoria: “Entrare nella storia è bellissimo”. La notizia del dopo Sampdoria-Chievo è che Marco Giampaolo non si presenta in sala stampa perché influenzato, ma manda il suo secondo Francesco Conti, che riconosce i meriti del Chievo: “Per tutto il primo tempo ci ha messo in grande difficoltà, sono stati tra i migliori qui al Ferraris. La Sampdoria però è stata capace di proporre il suo stile di gioco anche nei momenti bui della partita”. Una Samp che rispetto all’anno scorso segna con grande facilità: “I nostri centrocampisti -spiega Conti – erano più propensi alla fase difensiva, ora si inseriscono di più in zona gol, occupiamo meglio l’area di rigore è la logica conseguenza del nostro modello di gioco”.

Una partita, questa, che dimostra un’acquisizione di serenità e di maturità: “Abbiamo dimostrato un abito che ci rende riconoscibili”, conferma Conti. Notevole anche il supporto dei giocatori che entrano a gara iniziata: “Sono determinati a dare il meglio di sé”. L’allenatore in seconda non si sbilancia sul derby: “Come sempre sarà una partita da tripla, cercheremo di ottenere il massimo per regalare il giusto premio ai nostri tifosi”.

La bomba con cui Torreira ha siglato il secondo gol per la Samp (primo gol con la maglia blucerchiata), non è una sorpresa: “Noi lo sappiamo che ha un tiro straordinario”, lui replica: “Non me l’aspettavo di segnare da così lontano, è stata una rete importantissima perché ha cambiato la partita”.

Il presidente Massimo Ferrero è in estasi in zona mista: “Il poker? Non sono uno che gioca, ma il mister sta facendo un gran lavoro, la squadra lo segue e sono molto contento. Abbiamo una squadra con un’identità. Arriveremo dove ci porteranno testa, gambe e cuore”. Sul derby? “Che vinca il migliore”.