Richiesta chiarimenti

Ericsson, il caso genovese sbarca in Europa: interrogazione M5S

ericsson regione

Genova. Il caso Ericsson sbarca in Europa con un’interrogazione a firma Tiziana Beghin, MoVimento 5 Stelle, depositata in queste ore al Parlamento europeo.

L’europarlamentare del gruppo EFDD-M5S si è rivolta direttamente alla Commissione europea per chiedere ai commissari di chiarire l’esatto importo di fondi europei ottenuti da Ericsson in Italia dal 2007 ad oggi e dei fondi Por Fesr e Fse Liguria a baneficio della sede di Genova del colosso svedese.

“Stiamo parlando di un’azienda che da decenni, con la complicità del governo, sta spolpando le risorse economiche e umane offerte da istituzioni e territorio, restituendo in cambio procedure d’esubero e lettere di licenziamento ai lavoratori – spiega Beghin – Vogliamo vederci chiaro e capire di quanti e quali finanziamenti europei abbia goduto Ericsson e se fossero vincolati a una determinata condotta dell’azienda dal punto di vista della tutela dell’impiego. E se, infine, l’azienda abbia rispettato tutti i parametri previsti per poter accedere ai fondi comunitari.”

Oggi si terrà anche l’interrogazione dei portavoce comunali pentastellati nell’aula rossa di Tursi.

Più informazioni
leggi anche
ericsson
Vertenza
Ericsson, lunedì assemblea agli Erzelli, sciopero in vista contro il piano di fuoriuscita di 1000 lavoratori