Quantcast
Operazione antispaccio

Droga, sgominata la “gang” dei senegalesi, usavano anche minorenni per spacciare. 6 arresti a Sampierdarena

Forze dell'ordine e mezzi di trasporto

Genova. La Polizia di Stato di Genova ha arrestato nella mattinata di sabato 28 ottobre 6 persone: 4 cittadini senegalesi, rispettivamente di 34, 20 e 22 anni, in quanto colti nella flagranza del reato di detenzione illecita di sostanza stupefacente; un cittadino del Gabon del ’95 ed un senegalese del ’92, poiché destinatari di provvedimento di custodia cautelare in carcere. Inoltre sono stati denunciati in stato di libertà due minorenni senegalesi entrambi di 15 anni, sempre per il reato di detenzione di sostanza stupefacente.

Intorno alle 11.30 , nel corso di una specifica attività di controllo del territorio posta in essere dalle volanti di questo Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico è stata, infatti, notata la presenza in un locale di via Buranello nel quartiere di Sampierdarena di persone di etnia senegalese, tra cui anche un soggetto conosciuto agli operatori in quanto in passato già arrestato per reati in tema di stupefacenti.

Il pregiudicato, che aveva con sé un mazzo di chiavi di un appartamento, riferiva agli operatori di dimorare in altra zona della città, ma il loro attento spirito di osservazione, unito all’elevata conoscenza del territorio in argomento, frequentemente oggetto di servizi preventivi di controllo da parte delle volanti, ha permesso di risalire all’abitazione del noto pregiudicato, situata nella vicina via Pietro Chiesa.

Una volta giunti nell’abitazione, i poliziotti vi trovavano all’interno gli altri 7 soggetti e al termine della perquisizione lì effettuata rinvenivano 1,87gr di eroina e 16,2gr di cocaina nella disponibilità di tutti le persone che lì vi abitavano. Trovate anche banconote di piccolo taglio nella somma complessiva di 1175 euro, anch’esse sequestrate, così come la sostanza stupefacente.

Al termine dell’intervento i sei maggiorenni venivano tratti in arresto e condotti presso la Casa Circondariale di Marassi, mentre i due minorenni venivano denunciati in stato di libertà.

Più informazioni