Quantcast
Passa in sala rossa

Amt, Consiglio comunale approva modifica statuto per azienda “in house”

Sono stati 28 i sì, 6 i no e 4 gli astenuti. Favorevoli centrodestra, M5S e Chiamami Genova. Contrario il Pd.

funghi sul bus amt

Genova. La delibera della Giunta Bucci per modificare lo statuto dell’azienda di trasporto pubblico Amt e mantenerla ‘in house’ lasciando da parte l’ipotesi privatizzazione è stata approvata oggi pomeriggio a Palazzo Tursi dal Consiglio comunale.

Sono stati 28 i sì, 6 i no e 4 gli astenuti. Favorevoli centrodestra, M5S e Chiamami Genova. Contrario il Pd. Astenuta la Lista Crivello. Sugli spalti dell’assemblea alcuni sindacalisti dell’Amt hanno espresso soddisfazione per il risultato.

L’unica dichiarazione di voto è stata quella della capogruppo Pd Cristina Lodi: “Votiamo contro perché non ci sono rassicurazioni sulla copertura finanziaria dell’operazione politica pre-elettorale del centrodestra, inoltre senza gara per l’affidamento del servizio c’è il rischio di una perdita del 15% finanziamenti nazionali previsti a Genova”.

“Una delibera importante per il futuro di Amt, – la definisce l’assessore comunale alla Mobilità e vicesindaco Stefano Balleari – che si fonde con Atp e resta in mano pubblica, l’avevamo detto e oggi abbiamo fatto il primo passo per affidare ‘in house’ il servizio di Tpl”

Più informazioni
leggi anche
volabus amt
Il nodo
Amt, dalla commissione “surreale” una certezza: l’affidamento in house è più lontano che mai