Amt, autista preso a schiaffi per non aver fatto salire un passeggero fuori fermata - Genova 24
Ancora

Amt, autista preso a schiaffi per non aver fatto salire un passeggero fuori fermata

L'aggressore è un italiano. L'autista si è fatto refertare in ospedale, ma sta bene

autobus svizzeri man amt

Genova. Ennesima aggressione questo pomeriggio a bordo di un bus della linea 62 all’altezza della Fiumara. Secondo quanto appreso da fonti sindacali un uomo avrebbe preteso che l’autista aprisse la porta fuori dalla fermata.

Al diniego del conducente lo ha poi raggiunto e aggredito: “L’autista è stato raggiunto e preso a ceffoni mentre di trovava alla guida alla fermata” conferma Andrea Gamba della Filt Cgil.

E’ successo intorno alle 15 di oggi.

L’autista si è fatto refertare in ospedale, ma sta bene. Secondo quanto appreso l’aggressore sarebbe un italiano. Sul posto è intervenuta una volante della polizia.

“Possiamo mettere tutte le.blindature possibili ma qui il problema è diventato sociale – commenta Gamba – se si arriva a schiaffeggiare un artista per un fuori fermata vuol dire che siamo arrivati all’imbarbarimento della società e allora le istituzioni devono prendere provvedimenti concreti aumentando la presenza sul territorio della forze dell’ordine e incominciare a insegnare nelle scuole un po’ di educazione civica perché ormai mancano proprio le basi”.

Per il sindacato Orsa invece restano fondamentali del misure che assicurano un minimo di sicurezza per autisti e passeggeri: “Dal pulsante diretto per la chiamata al 112 alle cabine chiuse alle telecamere interne ed esterne ai busi – ribadisce Marco Marsano – per tutelare l’incolumità di tutti”.

Più informazioni
leggi anche
Bruco, il degrado del fratello minore
Episodio
Pontedecimo, lite per la viabilità, pugni sul vetro e insulti contro un autista del 7
Amt sistema telecamere simon
"lui ti vede"
Sicurezza sui bus Amt, al via sperimentazione telecamere real time contro aggressioni e rapine
autobus amt
Trasporto pubblico
Amt, il sindacato Faisa contro il “capolinea maledetto” delle linee notturne: “Troppe aggressioni, occorre spostarlo”