Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Aggressione alla militante del Pcl, la solidarietà di sindacati, associazioni e centri sociali

'Chiamata' generale del movimento antifascista in vista delle prossime apertura dell'ultradestra. Appuntamento domani alle 18 in piazza De Ferrari

Genova. Un comunicato di solidarietà per quanto accaduto domenica scorsa a Quinto a Cinzia Ronzitti, militante del Pcl aggredita da due individui che avevano strappato una bandiera del partito e una ‘chiamata’ per l’assemblea antifascista convocata per domani alle 18 in piazza De Ferrari. Ad esprimerla sono Area “Il sindacato è un’altra cosa – Opposizione CGIL” – Genova e Liguria, Coordinamento Antirazzista Genovese, LSOA Buridda, Aut Aut 357,Genova City Strike, csoa Zapata, Partito Comunista dei Lavoratori, Partito della Rifondazione Comunista, Resistenze Internazionali (CWI), SI Cobas, Sinistra Anticapitalista, Sinistra Classe Rivoluzione, Spazio Libero Utopia, Unione Sindacale di Base.

Di seguito il comunicato:

Esprimiamo unitariamente la nostra solidarietà politica e la nostra affettuosa vicinanza alla compagna Cinzia Ronzitti, militante del PCL e delegata sindacale, vittima di un’aggressione domenica a Quinto, nelle vicinanze della Festa del PCL genovese, da parte di alcuni loschi figuri che stavano imbrattando manifesti e strappando le bandiere del partito”.

La compagna, che cercava di fermarli, è stata spintonata e buttata a terra e ha poi dovuto ricorrere alle cure del Pronto Soccorso a San Martino.
Consideriamo che anche questo vile e violento episodio di prepotenza fascista e maschilista si inscriva in un clima sempre più preoccupante in cui forze di estrema destra, razziste e anche dichiaratamente fasciste, vengono sdoganate e legittimate in tutta Europa, allo scopo di colpire e dividere tra loro gli sfruttati, gli oppressi, per additare ai lavoratori, ai precari, ai disoccupati che il nemico è chi ci sta a fianco ma ha il colore della pelle diverso anziché le classi dominanti e i padroni.

Proprio in questi giorni, qui a Genova, vengono annunciate come imminenti l’apertura di due sedi diverse di gruppi che inneggiano chiaramente al fascismo. Chiamiamo pertanto tutti/e gli/le antifascisti/e alla vigilanza e dichiariamo fin d’ora che saremo in piazza nei prossimi giorni, insieme al più largo movimento antifascista genovese, a partire dall’assemblea cittadina convocata dall’Assemblea Antifascista Genovese mercoledì 4 ottobre in piazza De Ferrari alle 18, contro aggressioni e intimidazioni e per impedire ogni rigurgito fascista e razzista.