Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Terzo Valico, ditta “sfiorata” dallo scandalo rivince appalto per cantieri in Val Lemme

Dopo lo scandalo di ottobre e le indagini sui cantieri del Col di Tenda, riassegnato l'appalto per il cantiere in Val Lemme

Più informazioni su

Genova. Ad annunciarlo la stessa Cociv: il bando, il cui valore è di 263 milioni e 491.400 euro, inclusi gli oneri per la sicurezza che ammontano a un importo di quasi 5 milioni, è stato assegnato alla Grandi Lavori Fincosit.

Un nome non nuovo, visto che la ditta aveva già vinto degli appalti in passato, e che fu coinvolta nelle carte dello scandalo che travolse i cantieri della grande opera lo scorso ottobre: secondo il gip dell’inchiesta la partecipazione dell’azienda al bando aveva in qualche modo “turbato” l’asta. I bandi furono successivamente tutti annullati.

Lo scorso giugno, inoltre, la stessa Fincosit è stata coinvolta in uno scandalo legato al cantiere per il raddoppio del traforo stradale del Col di Tenda, uno tra i più grandi cantieri aperti in Italia: diverse intercettazioni di conversazioni tra dirigenti, funzionari e tecnici furono pubblicate sulla stampa nazionale, riportando frasi come il famoso “Le gallerie sono fatte con lo sputo” e il tragico “Se lo sono detti anche gli operai da soli: qua se non muore qualcuno continuiamo a lavorare alla ca… di cane. Esce acqua da tutte le parti, una cosa pazzesca, 24 calotte che pisciano acqua, una cosa da fare schifo”.

In questi mesi, dopo essere stati azzerati i vertici di Cociv ed essere arrivati i commissari, le assegnazioni per gli appalti sono ripartite: nuova pagina, ma vecchi protagonisti.

In serata arriva la precisazione di Cociv, che attraverso una nota sottolinea che “Nel novembre 2016 il Consorzio ha messo in atto una serie di azioni in autotutela a dimostrazione della discontinuità con la precedente gestione. Tra queste una delle più significative è stata l’interruzione del rapporti contrattuali con alcune società che lavoravano con Cociv in quel momento anche se queste non avevano pendenze o interdittive da parte delle Autorità giudiziarie: così è stato per Grandi Lavori Fincosit”.