Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Serie B: Lavagnese e Ligorna vincono i derby della giornata inaugurale risultati

La neopromossa di mister Morbioni travolge il Molassana; le biancoblù espugnano il Ceravolo di Lagaccio

Rapallo. Il turno inaugurale della Serie B 2017/18 prevedeva un doppio scontro genovese. Se lo sono aggiudicate Lavagnese e Ligorna, a spese, rispettivamente, di Molassana e Lagaccio.

Al Macera di Rapallo fin dalle prime battute si intuisce che non sarà una partita facile per i colori rossoazzurri, con Cama che va vicinissima al gol già al primo minuto; sul versante opposto un bel colpo di reni di Ferrari toglie da sotto la traversa un insidioso tiro cross di Pozzo dalla trequarti destra.

Padrone di casa in vantaggio al 10° con Cama che calcia al volo di prima dal vertice destro dell’area di attacco: lo spiovente sul palo opposto mette fuori causa Stevanin. Attorno alla mezz’ora la Lavagnese raddoppia con Spaccamonti, reattiva ad intercettare una palla vagante al limite dell’area e a segnare con un chirurgico rasoterra nell’angolino basso alla sinistra del portiere. Poco prima del riposo le tigulline calano il tris: punizione dal limite dell’area che Cafferata realizza con palla a scavalcare la barriera e dritta all’incrocio dei pali.

Nella ripresa il Molassana non riesce a cambiare l´inerzia della gara e dopo un quarto d’ora si ritrova a giocare in dieci effettivi quando Librandi nell’arco di sessanta secondi riceve due cartellini gialli. Il risultato già compromesso e l´inferiorità numerica tagliano definitivamente le gambe alle ospiti che chiudono il match con un passivo tennistico.

Vanno ancora in rete Cafferata in contropiede al 24°, Cama con uno spunto personale sulla sinistra a ridosso della linea di fondo al 34° e nuovamente Spaccamonti al 37°

Le aspettative nei confronti della Lavagnese sono giustificate. La squadra è ben messa in campo, può contare sia su un buon collettivo che su individualità in grado di fare la differenza e vince con pieno merito la prima partita di campionato. La giovanissima Spaccamonti che vive una giornata da ricordare segnando una doppietta all’esordio assoluto nella categoria. La formazione di mister Roberto Morbioni è accreditata dagli addetti ai lavori come una delle formazioni papabili per mantenere la categoria a fine stagione, restando nel girone unico di Serie B.

Le Pantere perdono male ma non devono abbattersi, ogni sconfitta insegna qualcosa e questa ha dato molti spunti dai quali imparare: la squadra è giovane, ha un futuro da costruire, le potenzialità ci sono così come i maestri giusti per far sì che sia roseo. Si può elogiare un portiere che prende sei gol? In questo caso sì: Stevanin non smette di incitare le compagne fino al novantesimo, è incolpevole sui gol subiti e con alcune belle parate evita che il passivo assuma proporzioni peggiori.

La formazione del Molassana, allenato da Berlingheri e Librandi: Stevanin, Cozzani (Vecciu), Pozzo (Poletto), Fernandez, Capua, De Angelis (Abondi), De Blasio, Ponzanelli, Librandi, Tortarolo, Crivelli; a disposizione Bacigalupo, De Agostini, Guardo, Favilli.

Ottimo esordio del Ligorna che espugna il Ceravolo con il risultato di 2 a 0. Avvio pessimo delle verdeblù con le ospiti in vantaggio già al 1°: Simosis sfrutta un’indecisione della difesa locale per superare Asteggiano. Al 2° occasione d´oro non sfruttata dalle padrone di casa: su un cross in mezzo Denevi non è precisa nell´uscita, le biancoblù si salvano sulla riga con l´intervento di in difensore e l’azione sfuma. Le locali sono poco incisive in avanti e si vede poco altro fino al 35°, quando un contropiede ospite viene finalizzato da Traverso la cui conclusione è ben parata da Asteggiano. La prima occasione per il Lagaccio è al 42°: Fiorese serve Boggero che di prima intenzione premia l’inserimento di Bonissone, il neo capitano locale vince un contrasto ma viene anticipata sul più bello da Denevi.

Il secondo tempo prosegue sulla falsariga del primo; solo nella seconda metà di frazione, scosse da qualche sostituzione, le padrone di casa trovano una reazione quantomeno nervosa e mettono una certa pressione alle biancoblù. L’iniziativa più pericolosa arriva al 35°: punizione dalla sinistra messa in mezzo per Bonissone che devia a lato da posizione interessante. Nel momento forse migliore del Lagaccio arriva il raddoppio ospite: al 38° palla in profondità per Traverso che sola contro Asteggiano non sbaglia. Le verdeblù rischiano di sbandare ulteriormente: al 40° punizione insidiosa di Fallico con una bella risposta di Asteggiano in angolo; ultimo squillo lagaccino al 43°, punizione di Boggero e colpo di testa di Pittavino, Denevi si salva in angolo. Ultimo brivido per la difesa locale sul contropiede susseguente al 44°: Minopoli perde palla in posizione più che delicata contro Fossati, che mette in mezzo per l’accorrente Traverso, l’esecuzione non è precisa ed Asteggiano para abbastanza agevolmente.

L’Amicizia Lagaccio allenata da Morin ha giocato con Asteggiano, Armitano, Pittavino, Bonissone, Licco (Bosso), Baghino, Del Francia, Brucci (Minopoli), Toomey (Pesce), Fiorese (Nasso), Boggero; a disposizione Piazzi, Del Verme, Fossa. Il Ligorna condotto da Lo Bartolo è sceso in campo con Denevi, Cama, Cella, Cuneo, Bettalli, Napello, Brero, Simosis (Fossati), Traverso (Pappalardo), Fallico, Fracas (Favali); a disposizione Parodi, Trichilo, Casciani, Moscamora.