Vertenza e protesta

Scuolabus disabili, 40 lavoratori a casa dopo l’assegnazione della gara: presidio e incontro in Città metropolitana

Gamba (Filt Cgil): "La clausola sociale deve essere rispettata"

scuolabus

Genova. Un incontro tra sindacati e Città metropolitana e in contemporanea un presidio dei lavoratori in piazzale Mazzini per chiedere il rispetto della clausola sociale. Sono circa 40 i lavoratori dell’azienda Tundo, che fino allo scorso anno si occupavano del servizio di scuola bus per un centinaio di ragazzi disabili di Genova e della provincia.

Quest’anno l’azienda ha ritenuto non conveniente partecipare al bando: “Il bando è stato vinto da radiotaxi – spiega Andrea Gamba, Filt Cgil – e dalle informazioni che abbiamo non sembra intenzionato ad assumere nessuno anche perché sembra probabile che i tassisti si occuperanno del trasporto disabili tra una corsa e l’altra”. Il punto è che però “il bando conteneva la clausola sociale per garantire i lavoratori e domani vogliamo capire come la Città metropolitana intende farlo rispettare”.

L’appuntamento è alle 9.30 in piazzale Mazzini.

leggi anche
consiglio regionale
Domani
Scuolabus disabili, i lavoratori Tundo in consiglio regionale