Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Pari tra Entella e Carpi, Castorina: “Squadra compatta, ci sono tanti elementi positivi” risultati fotogallery

Francesco Belli: "Con un pizzico di fortuna in più potevamo portarla a casa". Davide Brivio: "Cinque punti in una settimana sono un buon punto da cui partire"

Chiavari. Sesta partita di campionato e terzo risultato utile consecutivo per l’Entella che ottiene il primo pareggio a reti inviolate. I chiavaresi hanno impattato con il Carpi, squadra agguerrita e capace di iniziare il torneo da grande protagonista.

La partita ha vissuto un primo tempo molto equilibrato con poche occasioni da rete. Nella ripresa la squadra biancoceleste è partita molto forte, lo spettacolo ne ha guadagnato, ma il risultato non si è sbloccato. Gli uomini di mister Castorina hanno sfiorato la rete con Pellizzer e due volte con La Mantia. Con un po’ di fortuna in più poteva arrivare la vittoria, ma i 5 punti ottenuti in otto giorni rappresentano un buon bottino. Sabato 30 settembre alle ore 15 Iacobucci e compagni faranno visita al Cittadella.

La partita si è accesa solamente nella ripresa. “Era la terza partita in una settimana quindi è normale, eravamo più contratti – afferma Francesco Belli – ma penso che ci possa stare. Nella ripresa è stata una partita più aperta, abbiamo avuto delle belle occasioni, il colpo di testa di Michele salvato sulla riga… Penso sia stata una partita equilibrata, che con un pizzico di fortuna in più potevamo portare a casa“.

Nell’arco degli otto giorni tutti si sono fatti trovare pronti. “E’ stata una risposta importante da parte del gruppo – spiega il difensore -, ma non penso che ce ne fosse bisogno. Ormai siamo un gruppo collaudato anche se ci sono stati tanti innesti; comunque era una risposta abbastanza scontata perché conosco i miei compagni, ci alleniamo tutti al massimo ed è normale che uno quando entra in campo cerca di mettere in difficoltà il mister nelle scelte future“.

“Oggi per come si era messa ad un certo punto potevamo portare a casa i tre punti, quindi penso sia stato giusto inserire una punta di struttura in più come Andrea per cercare di andare a prendere là con qualche palla più lunga. La prima partita – conclude – è stata un po’ negativa, da parte mia e da parte della squadra, però devo solo pensare a lavorare forte in allenamento e cercare di raccogliere i frutti il sabato in partita“.

Davide Brivio commenta: “Abbiamo avuto diverse occasioni, con Pellizzer e La Mantia. Non siamo riusciti a portare a casa i tre punti ma è un risultato positivo che dà continuità a quello che abbiamo fatto tutta la settimana. Cinque punti in una settimana sono un buon punto da cui partire per lavorare verso le altre partite”.

“Devo continuare a lavorare – prosegue il difensore – perché era da tanto tempo che non giocavo, però penso che attraverso l’allenamento e le partite riesco ad arrivare alla mia forma migliore. A Chiavari mi trovo bene, sono contento della scelta che ho fatto, voglio dare un contributo importante alla squadra per far sì di fare una bella stagione. E’ un campionato totalmente diverso dalla Serie A, bisogna rimanere concentrati minuto per minuto perché ogni partita è a sé. Dobbiamo continuare a lavorar bene e cercare di fare più punti possibile“.

E’ stata una partita in crescita – analizza Gianpaolo Castorina -. Davanti avevamo una squadra con il morale alle stelle, che aveva 5 punti in più di noi in classifica che in questo momento non sono pochi. Posso dire che per l’ennesima volta ho visto la compattezza da parte della mia squadra, che nonostante fosse rimasta forse un pochettino più bassa nel primo tempo non ha quasi mai rischiato, non ricordo parate di Iacobucci. Nel secondo tempo siamo riusciti ad alzarci, perché probabilmente abbiamo giocato con più coraggio e abbiamo trovato delle imbucate importanti che ci hanno fatto alzare. Abbiamo creato anche qualche occasione buona per far gol; per l’ennesima volta i cambi ci hanno dato una mano e chi ha giocato ha mostrato un impegno e un attaccamento importanti. Ci sono tanti elementi positivi da portare a casa e tante cose su cui lavorare“.

“Non smetterò mai dirlo, i ragazzi sono eccezionali: chiunque sia che entra dà sempre un bel contributo alla causa e questo è importante – prosegue l’allenatore -. Credo che sotto il profilo compattezza di gruppo siamo veramente ad un ottimo livello. Ci rendiamo conto che questi sforzi dei ragazzi potrebbero essere gratificati da un livello di prestazioni in alcuni momenti un po’ migliore; lavoreremo per questo”.

Intorno a Castorina da parte di alcuni tifosi c’è ancora un po’ di diffidenza. “Non mi disturba – ammette -. A me disturba tutto quello che è negativo per i miei ragazzi; riguardo a quello che è negativo per me, quando ho deciso di fare questo mestiere ho deciso di farlo prendendomi le mie responsabilità e andando incontro a questo tipo di difficoltà. Non è sicuramente una cosa che mi disturba; mi spiace semplicemente solamente se lo scetticismo è un pregiudizio anche nei confronti dei ragazzi. Io non devo proteggere nessuno perché i miei ragazzi sono professionisti esemplari e adulti, soprattutto. Sono convinto, per quanto mi riguarda, che la squadra arriverà a un buon livello e noi lavoriamo per quello. Non dobbiamo smentire nessuno, dobbiamo lavorare per noi e la strada è giusta”.