Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Palazzo Ducale, le nomine della Regione: Lazzari e Wolfson nel Cda

Genova. La Giunta regionale ligure ha approvato la nomina di Tiziana Lazzari nel cda di Palazzo Ducale e confermato quella di Mitchell Wolfson, grande collezionista di opere d’arte donate alla Regione, già membro del precedente cda in quota regionale (in quanto è proprio la collezione wolfsoniana ad aver permesse in passato, alla Regione, di entrare tra i soci fondatori del Ducale).

Lo ha comunicato, al termine della Giunta, l’assessore regionale alla Cultura Ilaria Cavo.
Tiziana Lazzari medico chirurgo, prima donna governatrice, fino a luglio, di tutti i Rotary del Nord Ovest, è stata insignita nel 2011 del Premio ARMR (fondazione ONLUS Aiuti per la Ricerca sulle Malattie Rare) per l’impegno nel campo della Ricerca. Autrice di libri scientifici e divulgativi, organizzatrice di eventi culturali. Dal 2013 al 2015, nell’ambito degli eventi sponsorizzati dal Festival della Scienza di Genova, è presidente delle prime tre edizioni del Congresso Nazionale G.I.S.T (Gruppo Italiano di Studio sulle Tecnologie), di cui è anche socio fondatore.

Socia di AIDDA (Associazione Italiana Donne Dirigenti di Azienda) ha realizzato conferenze e svolto attività didattica sul territorio nazionale. Nel corso dei suoi anni alla guida del distretto Rotary ha promosso e realizzato progetti in campo culturale e scientifico. I programmi erano rivolti a istituzioni e cittadini per far fronte alle emergenze delle nuove povertà, alla tutela della salute e alla valorizzazione del patrimonio storico-artistico della città di Genova.

“La scelta di Tiziana Lazzari è quella di una donna, libera professionista, espressione della società civile, da sempre impegnata a favore della nostra città e della cultura – ha sottolineato l’assessore regionale alla Cultura e Formazione Ilaria Cavo – Questa nomina vuole mettere a frutto i suoi anni alla guida del distretto Rotary Liguria e Basso Piemonte, prima donna in Italia: anni in cui si è distinta per le iniziative di grande rilievo etico e di livello internazionale. A lei e a Mitchell Wolfson che tanto hanno dato alla nostra città e regione un augurio di buon lavoro”.