Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

La Rapallo Pallanuoto riparte dai suoi giovani talenti risultati

Inizia la preparazione con tante ragazze nel giro azzurro e due nazionali olandesi per una stagione in cui dire la propria

La Rapallo Pallanuoto è pronta a ricominciare per giocare un campionato di Serie A1 di primo piano e si ritroverà nella serata di martedì nella piscina comunale del Poggiolino per il iniziare la preparazione in vista della nuova stagione. Il tecnico gialloblù Luca Antonucci si è detto fiducioso e crede molto nelle sue ragazze: “Avrò a disposizione la rosa al completo dal 18 settembre. Rispetto allo scorso anno c’è stato qualche cambiamento, ma l’ossatura della squadra è sempre composta principalmente dalle ragazze della formazione Under 19 oltre a nuovi innesti che contano, per l’appunto, anche le due giocatrici olandesi e Sessarego”.

Come detto da coach Antonucci, i ranghi della squadra avranno bisogno di tempo per rientrare totalmente, questo in quanto molte delle ragazze gialloblù hanno risposto a convocazioni delle nazionali: Federica Lavi ha partecipato alle Universiadi; Gaia Gagliardi all’Europeo Under 17; Nicole Zanetta ha partecipato al collegiale Under 20 di Ostia, mentre Silvia Avegno è attualmente impegnata nei Mondiali Juniores.

I nuovi arrivi, anch’essi preannunciati dalle parole di Antonucci, si pongono come nomi di primo piano: Amarence Genee e Laura Van der Graaf sono nazionali olandesi, mentre Marilena Sessarego arriva da una stagione difficile con la Locatelli in A2, ma giocata sempre da protagonista. La principale caratteristica della squadra ruentina è senza dubbio la linea verde, con giocatrici giovani e giovanissime come conferma lo stesso coach: “Abbiamo tante giovani di talento che provengono dal nostro vivaio e le convocazioni in azzurro ne attestano i meriti – sottolinea Antonucci – Il nostro obiettivo è valorizzare il più possibile queste ragazze, che saranno coadiuvate da giocatrici più esperte, fermo restando che la stessa Van der Graaf ha solo 22 anni. Non dimentichiamoci poi che diverse giocatrici, in primis Lavi che è il secondo portiere, sono nel giro della Nazionale maggiore. La sostanza, quindi non manca e tantomeno l’entusiasmo. Ovvio – ha concluso il tecnico rapallese – ci sarà molto da lavorare soprattutto con le nuove leve, ma siamo fiduciosi, pronti ad impegnarci e certi delle potenzialità di questo gruppo”.