Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Incidente A10, interviene la Protezione Civile per assistere automobilisti in coda

Code per 12 chilometri verso Genova e 17 per chi viaggia in direzione Savona. Alle 18 la riapertura

Genova. Dopo l’incidente di questa mattina, ancora molto pesanti i disagi per gli automobilisti: sulla A10 tutt’ora ci sono 12 chilometri di coda, fatto che ha spinto l’assessore regionale Giacomo Giampedrone ad attivare la Protezione Civile per assistere le persone bloccate nel traffico distribuendo acqua e generi di conforto.

Alle ore 7:22 di questa mattina, ricordiamo, un incidente ha coinvolto un camion che si è ribaltato urtando il portale, con conseguente dispersione del materiale sul piano viabile, ed un furgone. Di conseguenza sulla A6 Torino-Savona é stata disposta la chiusura del tratto Altare-Savona verso Genova e la chiusura del bivio con la A10 Genova-Savona.

In alternativa, dopo l’uscita obbligatoria a Savona dove si registrano 12 km di coda, è possibile rientrare in autostrada ad Albisola attraverso la Statale 1 Aurelia. Il traffico proveniente da Ventimiglia può percorrere la A6 Torino-Savona, proseguire sulla A33 Cuneo-Asti e quindi sulla A21 Torino-Piacenza-Brescia. Per chi proviene dalla A6 Torino-Savona e viaggia in direzione Genova, si consiglia di utilizzare la A21 Torino-Piacenza-Brescia e la A26 dei Trafori.

In direzione Savona si segnalano 17 km di code tra Varazze e Savona ed il traffico scorre su una sola corsia. A causa della complessità delle operazioni e i tempi conseguentemente prevedibili per il ripristino delle normali condizioni di percorribilità della A10, tenuto anche conto della sostanziale saturazione in cui versa l’alternativa strada statale Aurelia, si consiglia agli utenti che dovessero ancora mettersi in viaggio verso il nodo di Savona, da qualsiasi provenienza, di posticipare le partenze.

La riapertura del tratto è prevista per le ore 18 Sul posto sono presenti il Personale di Autostrade per l’Italia e tutti i mezzi di soccorso.