Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Inchiesta Spese pazze, la Corte dei Conti fa scattare la prescrizione per gli ex Udc

Luigi Patrone e Rosario Monteleone non dovranno risarcire i 42 mila euro chiesti dalla procura contabile

Genova. Per i giudici della Corte dei Conti della Liguria, Luigi Patrone e Rosario Monteleone, che rappresentavano l’Udc in Consiglio regionale, non dovranno risarcire i 42 mila euro chiesti dalla procura contabile: la richiesta è prescritta perché tardiva.

Il risarcimento rientrava nell’ambito dell’inchiesta sulle cosiddette ‘spese pazze’ dei gruppi consiliari e il periodo considerato riguardava i primi cinque mesi del 2010. Monteleone era presidente dell’assemblea regionale. Per i giudici però, tenendo conto di quanto sostenuto dalle difese dei politici, le notifiche di messa in mora sono avvenute nell’autunno 2015, “ovvero oltre 5 anni dalla data della trasmissione del rendiconto al presidente del Consiglio Regionale (1/7/2010), per questo deve intervenire la prescrizione dell’azione risarcitoria”.

Dalle indagini erano emerse spese private (abbonamenti al treno, spese telefoniche, rimborsi non intestati a consiglieri, spese senza idonea documentazione, numerosi pranzi e cene) fatte
passare come attività politica.

Il procuratore regionale Claudio Mori sottolineava come “non possano ritenersi rimborsabili con denaro pubblico le spese per ristorazione o altri consumi del membro del gruppo consiliare sostenute in locali di pregio, trattorie, pasticcerie, spese tutte sganciate dalla prova documentale”. Per i giudici però, la richiesta risarcitoria è stata tardiva, da qui la prescrizione.