Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Edilizia popolare, bando di Regione per efficientamento energetico abitazioni

L'iniziativa, pilota a livello nazionale, permetterà di risparmiare almeno il 45% sui consumi energetici rispetto a quelli attuali

Genova. Scadranno il 15 novembre prossimo, alle ore 12.00, i termini per presentare le offerte per la gara per l’assegnazione degli interventi di efficientamento energetico del progetto EnerSHIFT (Social Housing Innovative Financing Tender for Energy) che prevede la riqualificazione energetica di edifici di edilizia residenziale pubblica dislocati su tutto il territorio regionale, per un valore complessivo dell’affidamento delle concessioni pari a 20.716.986,38 euro, diviso sui tre lotti geografici di Genova, La Spezia e Imperia/Savona.

“Si tratta del primo progetto in Italia finalizzato alla riqualificazione energetica degli edifici residenziali pubblici – spiega l’assessore regionale all’Edilizia Marco Scajola – con un modello di finanziamento che prevede un ampio coinvolgimento del territorio ed i sindacati degli inquilini. È un progetto innovativo dal punto di vista finanziario e ambientale che mette insieme una serie di partner con un investimento di circa 15 milioni di euro e che non comporterà alcun onere per la Regione Liguria, a parte il contributo di 5 milioni di euro a valere sui fondi Por Fesr 2014-2020 destinato a interventi di efficientamento energetico. Questa prima gara costituisce un primo importante passo per la riuscita del progetto: in autunno i nostri uffici predisporranno ulteriori bandi di gara per l’utilizzo dei 5 milioni dei fondi Por-Fesr”.

L’iniziativa, pilota a livello nazionale, permetterà di risparmiare almeno il 45% sui consumi energetici rispetto a quelli attuali, attraverso una serie di interventi che verranno proposti dai partecipanti alla gara per 67 edifici, 44 a Genova, 18 a La Spezia, 3 a Savona e 2 a Imperia, di proprietà e/o gestiti dalle Aziende Regionali Territoriali per l’Edilizia della Regione Liguria (“A.R.T.E.”).

Gli interventi si baseranno su un meccanismo di autofinanziamento e saranno a costo zero per gli enti pubblici: saranno infatti le ESCo – società che attuano interventi per migliorare l’efficienza energetica degli edifici – ad effettuare gli investimenti, che saranno ripagati con i risparmi energetici ottenuti, a vantaggio anche degli inquilini che si vedranno decurtare la bolletta del gas. “Regione Liguria – prosegue l’assessore Scajola – ha deciso infatti di utilizzare una forma di contratto innovativa che prevede che una parte del risparmio ottenuto sia da subito disponibile per gli utenti, attraverso la riduzione della bolletta energetica che interesserà circa 3.500 famiglie”.

Dal punto di vista tecnico, il bando, pubblicato il 14 agosto scorso, prevede la Concessione di Servizi per: interventi di risparmio energetico, gestione energetica degli edifici e fornitura dei vettori energetici. La Concessione prevede una retribuzione attraverso un canone come corrispettivo per gli interventi di efficientamento energetico, gestione e conduzione degli impianti termici, attività di manutenzione e fornitura del vettore energetico. Una seconda retribuzione, extra canone, quale corrispettivo per eventuali ulteriori interventi di manutenzione straordinaria.