Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

“C’è un mondo Altrove”, al via la quinta stagione per il Teatro della Maddalena

Ecco tutti i dettagli per un nuovo anno all'insegna dell'arte, nel cuore del Centro Storico

Più informazioni su

Genova. Ripartono le attività culturali al Teatro Altrove dopo la pausa estiva e i rappresentanti delle associazioni di riferimento presentano oggi in conferenza stampa il nuovo cartellone artistico, il quinto dalla riapertura del teatro nel novembre 2013.

La stagione 2017/2018 sarà realizzata con il sostegno della Compagnia di San Paolo (Maggior Sostenitore) nell’ambito della Scadenza Unica 2017 Performing Arts, e sarà sostenuta anche dal Comune di Genova. Tema principale di tutta l’immagine coordinata sarà quello del viaggio, dell’avventura e della scoperta di terre inesplorate nel campo del teatro, della musica, del cinema e delle arti performative. Mappe geografiche di isole dalle strane forme ricordano che “c’è un mondo Altrove”, un luogo di approdo per vecchi e nuovi naviganti ma anche un punto di partenza per tracciare rotte alternative e intraprendere nuovi cammini.

In questi anni il Teatro della Maddalena, nel cuore del centro storico di Genova, ha ospitato numerosissimi artisti ed eventi. Il mondo ha già attraversato questi spazi ma stavolta vogliamo spalancare le porte, vogliamo farci noi stessi mondo, da visitare, esplorare, contaminare o dal quale farci contaminare. La stagione teatrale confezionata dalla compagnia Narramondo Teatro vuole coniugare tradizione e innovazione, teatro d’attore e contaminazioni artistiche, storie personali e vicende epiche accomunate tutte dall’alta qualità delle produzioni.

Si apre con il ritorno di A.R.E.M., spettacolo dʼimprovvisazione sempre nuovo e già molto amato dal pubblico del Teatro Altrove, una scatola aperta sul mondo dei ricordi della Compagnia Elena Vanni; secondo appuntamento con il maestro del teatro italiano Danio Manfredini e il suo reading-performance Divine, liberamente ispirato al romanzo di Jean Genet “Nostra Signora dei Fiori”; altro grande nome è quello di Oscar De Summa, premio Rete Critica 2016 e Premio Hystrio 2017, che porterà dalla sua “Trilogia della provincia” lo spettacolo Stasera sono in vena.

altrove

Tre nomi illustri anche per la drammaturgia: dai testi del premio Nobel Svetlana Aleksievic sarà tratto La guerra non ha nome di donna, nuova produzione NarramondoAltrove che permette uno sguardo tragico e delicato sui conflitti; lʼamore omosessuale sarà al centro del testo Primo amore di Letizia Russo, pluripremiata drammaturga italiana, interpretato da Roberto Turchetta per la regia di Michele Di Mauro; infine Orfeo ed Euridice, atto poetico sullʼeutanasia scritto e diretto da Cesar Brie: allo spettacolo sarà affiancato un convegno a cura della Consulta di Bioetica Onlus per dialogare con il pubblico su un tema così dibattuto.

Gli spettacoli saranno inoltre arricchiti da incontri, documentari, musica e degustazioni. Lo spettacolo agri-culturale Con i piedi per terra in compagnia dellʼattore Andrea Pierdicca e del polistrumentista Enzo Monteverde aprirà una finestra sul mondo contadino e lʼagricoltura biologica; lʼindimenticabile duello non solo sportivo tra Muhammad Alì e George Foreman sarà raccontata da un trio di attori e musicisti Altrove composti da Mattia Fabris, Carlo Orlando e Massimo Betti in La Sfida, cui seguirà anche la proiezione del documentario Quando eravamo re.

Il mondo degli adolescenti è protagonista della coproduzione Narramondo-Teatro dellʼArchivolto Come pesci in un acquario, che per il secondo anno consecutivo vede in scena una squadra di talentuosissimi studenti di scuole superiori, e della coproduzione Teatro del PiccioneTeatro della Tosse Piccoli eroi, rilettura della favola di Pollicino rivolta a ragazzi e adulti. In scena andranno la musica e il canto del BetteDavis Duo con Sonnets, dove emerge il legame tra teatro e musica dal vivo che conduce nel mondo dei sonetti di Shakespeare.

E poi ancora sogni, leggerezza e paure del mondo dellʼinfanzia nei quattro appuntamenti per piccoli: Brividi di Musical della Compagnia Musicalmente per festeggiare insieme la notte di Halloween, Favola degli Uomini Toro del drammaturgo genovese Marco Taddei con video-painting dellʼartista Erika Sambiase, per i piccolissimi invece Trattamento Ridarelli con Elena Dragonetti, produzione Narramondo tratta dalle divertenti storie di Roddy Doyle.

Per finire, anche questʼanno appuntamento col Premio Andersen con la Performance del vincitore dellʼedizione 2018. Torna a riaccendersi anche il proiettore per una nuova stagione di cinema a cura dell’associazione Laboratorio Probabile Bellamy. Dal 2 all’8 ottobre ospitiamo il Festival Nuovo Cinema Europa, evento internazionale che dal 2010 promuove in Italia i nuovi talenti del cinema europeo, curato e coordinato dall’associazione culturale Profondità di Campo e organizzato con gli Istituti di Cultura Europei, i Centri Culturali, le Accademie e le Ambasciate europee presenti sul territorio italiano.

altrove

Lungometraggi europei in concorso, numerosi eventi collaterali, il meglio dei corti dall’Europa e un interessante workshop coi registi Gianluca e Massimiliano De Serio. L’appuntamento con Intolerance, retrospettive tematiche sui capolavori del passato dalle migliori cineteche italiane, è ormai un tratto distintivo della proposta culturale dell’Altrove: si inizia lunedì 16 ottobre con l’omaggio a uno dei più grandi e rappresentativi attori della cinematografia nostrana, Gian Maria Volonté. Sei film per (ri)scoprire l’attore milanese diventato celebre coi western di Sergio Leone e poi consacrato come volto del cinema di impegno civile nei capolavori di Elio Petri e Francesco Rosi.

Dal 6 all’11 novembre verrà proposto un focus sulla Rivoluzione Russa, in occasione del suo centenario: previste proiezioni e sonorizzazioni di film alla presenza di ospiti d’eccezione. Non mancherà lo sguardo sul cinema contemporaneo con la proiezione di documentari premiati nei principali festival europei e presentati in sala dai registi. Anche DisorderDrama prosegue con la sua rassegna settimanale di musiche “altre”, con ospiti nazionali e internazionali: come da tradizione si passerà tra tanti generi (rock, punk, elettronica, cantautorato, afrobeat, postrock, psichedelia) rappresentati da artisti di grande spessore.

Si inizia con l’anteprima il prossimo giovedì 28 settembre con Jessica Moss, nota come violinista per l’ensemble elettrico canadese A Silver Mt.Zion Memorial Orchestra, diretta emanazione dei campioni del postrock mondiali Godspeed You Black Emperor: musica ambient ed elettrica, epica e classica grazie al suo violino e agli effetti elettronici che userà sul palco. Il 22 ottobre ancora postrock canadese su Constellation Records con Jerusalem In My Heart e il suo show elettronico reso imperdibile dalla proiezione su tre schermi in pellicola di immagini da lui realizzate.

Si torna a macinare rock e punk contemporaneo con il ritorno sul palco dell’Altrove dei Fine Before You Came (14 dicembre), paladini dell’emocore italiano di questo decennio; come loro arriveranno altri nomi di punta dell’indie italiano quale Havah, appena uscito Altrove con un disco sulla resistenza italiana che sta furoreggiando anche presso i più importanti siti e riviste americane. Ancora suoni duri e tanta storia il 9 novembre con i Savak (con membri di storici gruppi quali Make-Up, The Nation Of Ulysses, Ted Leo & The Pharmacists, Obits…) e i Poison Arrows (anche loro illustri ex, dei Don Caballero tra gli altri); tanto divertimento, ballo e sonorità da feste africane con l’olandese Mauskovic Dance Band, in serata in abbinamento con il DjSet esotico dei nostri beniamini locali Tropical Zena.

Da tre anni a questa parte grande importanza è stata data alla crescita di una scena di musicisti locali al confine tra l’improvvisazione e il jazz che, nelle mensili serate curate dal collettivo Improland, portano sul palco giochi e dialoghi costruiti direttamente in scena, spesso ispirati da grandi ospiti italiani (AY!, Rosa Brunello Y Los Fermentos e Honolulu Orchestra i primi tre) con i quali condividono il palco.

Ultima nota di orgoglio anche per la città è l’ospitalità che l’Altrove offre alla rassegna itinerante dell’Eutopia Ensemble, alla ricerca della No Comfort Zone del pubblico, che il 15 dicembre approderà sul palco di Piazzetta Cambiaso con un set di percussioni contemporanee suonate dal pluripremiato musicista Simone Beneventi.

L’Associazione Culturale Belleville torna a occuparsi di una sua grande passione, il cibo, proponendo due rassegne gastronomiche di cene a tema, Il gusto del giusto e Giovani chef crescono. La prima presenta ogni mese un’azienda agricola attenta ai valori della sostenibilità ambientale, dell’inclusione sociale, del contrasto alle mafie: il menu sarà preparato coi loro prodotti e un rappresentante di ogni azienda sarà presente durante la cena per guidare gli ospiti alla scoperta della loro storia e dei sapori che stanno gustando. Giovani chef crescono, invece, vuole proporre una ribalta ai tanti giovani cuochi che lavorano sodo nelle cucine di ristoranti e trattorie e che abbiano il desiderio di sperimentarsi per una sera nel ruolo di chef, proponendo la loro creatività e passione.