Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Sbarazzo della Superba, dai Luzzati a San Quirico: si parte il 5 settembre fotogallery

L'assessore Fanghella: Abbiamo rispettato le tempistiche stabilite. Ma c'è chi teme che la location porterà a un flop

Più informazioni su

Genova. Da martedì 5 settembre apre Lo Sbarazzo della Superba, quello che finché era in corso Quadrio veniva definito “suq”, un mercato al coperto dove tutti avranno la possibilità di vendere e comperare oggetti usati e di seconda mano. Ad annunciare ufficialmente quella che ormai era una notizia che circolava, il Comune di Genova.

Il mercato sarà in via Semini 12, a San Quirico, al piano terra del “Mercato dei Fiori” e sarà aperto tutta la settimana, dal lunedì al sabato, dalle 8 alle 13.

Secondo la volontà del Comune, potranno partecipare al mercato i privati, le associazioni o i soggetti del terzo settore che vogliano scambiare o vendere beni di proprietà usati, destinati a dismissione o smaltimento. Il mercato sarà invece chiuso per le imprese iscritte alla Camera di Commercio.

In via Semini non sarà possibile vendere oggetti nuovi, voluminosi o ingombranti, preziosi, generi alimentari, animali, qualunque genere di arma, materiali destinati ad un pubblico adulto e materiale pericoloso, esplosivo o potenzialmente infiammabile.

Niente da fare per chi avrebbe voluto che i mercatino continuasse a svolgersi ai Giardini Luzzati, dietro piazza Delle Erbe, dove era stato ospitato per le settimane di transizione tra la chiusura del progetto Chance e la fine dei lavori alla struttura di San Quirico. Nonostante il successo ottenuto il sindaco Marco Bucci ha messo in chiaro sin dall’inizio che Lo Sbarazzo avrebbe dovuto essere svolto in uno spazio coperto e dotato di servizi.

Il 5 settembre, dunque, parte la sperimentazione. Qualche perplessità, da parte degli operatori, è sulla lontananza di San Quirico dal centro città, sulla difficoltà di raggiungere la zona con i mezzi pubblici e quindi sulla possibilità che i venditori si possao tornare a organizzare abusivamente, magari optando per i mercati notturni di Sottoripa e piazza De Marini.