Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Quinto, caccia al ladro in pineta: uomo di 51 anni arrestato

Vestito di nero, come nei film, era entrato in un'abitazione in via Palloa, ma un dirimpettaio si è accorto che qualcosa non andava

Più informazioni su

Genova. Era entrato in un appartamento in via Palloa, a Quinto, intorno alle 4 del mattino. Vestito di nero, quatto quatto, ma non troppo. Il ladro, un 51enne sloveno, ha fatto rumore abbastanza per far svegliare l’inquilino di un appartamento di fronte a quello visitato.

Bruco, il degrado del fratello minore

Il residente, un genovese, sapendo che i vicini erano fuori città, ha immaginato cosa stesse succedendo: dopo essersi affacciato dal balcone, ha visto una delle finestre con la tapparella sollevata, sostenuta da una scopa. A quel punto ha chiamato il 112.

Una volante si è precipitata sul posto e gli operatori si sono resi subito conto che il ladro era ancora all’interno dell’appartamento. Mentre gli agenti si stavano posizionando, uno sulla porta d’ingresso e uno sotto la finestra, in modo da accerchiarlo, il ladro, con uno scatto repentino, è uscito dalla porta ed è scappato, in una folle corsa, in direzione della pineta lì vicina.

Ne è nato un inseguimento lungo i sentieri del bosco. Inizialmente, il ladro è riuscito a divincolarsi ad un primo tentativo da parte degli agenti di bloccarlo, ma dopo alcune centinaia di metri, i poliziotti sono riusciti a fermarlo.

Il 51enne, a quel punto vistosi braccato, ha cercato per l’ennesima volta di guadagnarsi la fuga, sferrando calci e pugni ad un agente tanto da procurargli una ferita al braccio poi medicata al Pronto Soccorso con due punti di sutura.

Dalla perquisizione effettuata nella immediatezza del fatto, sono stati rinvenuti all’interno dello zaino gioielli e danaro poco prima sottratti dall’appartamento, oltre a cacciaviti e torce luminose, utilizzati per commettere il delitto. L’uomo, con precedenti per reati contro il patrimonio, è stato associato alla Casa Circondariale di Marassi. Sono in atto ulteriori accertamenti.