Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

“Premio Fedeltà del cane”: un riconoscimento alla memoria per Camilla, eroina a 4 zampe foto

E' il border collie del nucleo cinofili dei vigili del fuoco che ha perso la vita in servizio: era intervenuta anche ad Amatrice e a Molo Giano

Camogli. Ci sarà anche un riconoscimento speciale per Camilla, il border collie del nucleo cinofili dei vigili del fuoco morta in servizio, all’edizione numero cinquantasei del “Premio Internazionale Fedeltà del cane” di Camogli.

A ritirare il premio, una “menzione speciale” alla memoria di Camilla, sarà il suo padrone e conduttore Nicola Ronga, vigile del fuoco discontinuo del nucleo cinofili ligure. La premiazione si terrà oggi pomeriggio, a partire dalle 16, a San Rocco di Camogli dove ogni anno, in occasione della festa patronale, viene organizzata la ormai celebre manifestazione dedicata agli amici a quattro zampe.

In una giornata in cui si festeggiano i cani “distintisi per azioni di coraggio e fedeltà” non poteva mancare un ricordo a Camilla come spiegano gli organizzatori: “E’ giusto e doveroso per noi renderle omaggio, ricordandola insieme per il suo grande e prezioso lavoro svolto con generosità e determinazione, in piena sintonia con il suo conduttore e con tutta la squadra”. Doti che questo pompiere a quattro zampe ha dimostrato di avere fino all’ultimo giorno visto che se n’è andata in servizio.

Camilla, infatti, ha perso la vita nel giugno scorso mentre era impegnata nelle ricerche di un uomo scomparso a Bergeggi: era scivolata in una zona impervia e, purtroppo, si era procurata una lesione fatale. Per salvarla si era tentato di tutto: i suoi “colleghi” pelosi le avevano anche donato il sangue, ma senza successo.

Camilla aveva 8 anni ed alle spalle tantissimi interventi tra cui le ricerche dopo il crollo della palazzina di Arnasco, della torre piloti al Molo Giano, tra le macerie di Amatrice in occasione del terremoto, ma anche le alluvioni di Genova e la palazzina sepolta dal fango a Leivi. Oltre a questi aveva partecipato a quasi 500 interventi di ricerca persona in Liguria e fuori regione.