Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Gli sms e le chiamate del fidanzato di Adele recuperati sul cellulare del pusher. Oggi i funerali

Lui li aveva cancellati mentre la ragazzina era in coma. Gli investigatori li hanno ritrovati sullo smartphone del minorenne di Busalla. L'amica della 16enne presto sentita in incidente probatorio

Genova. A fornire agli investigatori il nome dello spacciatore che aveva venduto loro l’mdma che ha ucciso la notte di venerdì la sedicenne chiavarese Adele De Vincenzi è stato, dopo un primo momento di esitazione, Gabriele Rigotti mentre il fidanzato di Adele, Sergio Bernardin avrebbe mentito e cancellato dal suo cellulare i messaggi e le telefonate con il minorenne di Busalla dove il gruppo si è recato per acquistare la sostanza . Gli investigatori della squadra mobile diretti da Marco Calì hanno trovato invece sul cellulare di quest’ultimo che però ha finora detto di essere solo un intermediario fornendo a sua volta il nome di un noto spacciatore maggiorenne sembre della zona di Busalla.

Bernardin e Rigotti sono rimasti in carcere entrambi dopo la convalida di ieri mattina perché “hanno reso dichiarazioni in parte tra loro contrastanti sulle modalità di acquisto dello stupefacente e sulle modalità di assunzione dello stesso che allo stato sono prive di riscontri oggettivi” e contrastano con quelle fornite in particolare dalla fidanzata di Rigotti scrive il gip Nicoletta Bolelli nell’ordinanza.

Inoltre secondo il giudice Bernardin e Rigotti sarebbero entrambi “privi di autocontrollo” indispensabile secondo il giudice per evitare la reiterazione del reato e l’inquinamento delle prove.

Intanto nei prossimi giorni la minorenne, che ha 16 anni come Adele, sarà ascoltata dal sostituto procuratore Michele Stagno in incidente probatorio: la ragazza, fin da subito, nelle sommarie informazioni testimoniali raccolte dalla squadra mobile, ha raccontato che lei e Adele hanno accompagnato in macchina i due ragazzi a Busalla ma che sono Bernardin e Rigotti che si sono recati a casa dello spacciatore ed hanno acquistato la sostanza che è stata preparata sempre dai ragazzi e ingerita nell’appartamento di via Corridoni ad Albaro.

Intanto i legali dei due ragazzi hanno presentato questa mattina istanza di attenuazione della misura davanti al tribunale del Riesame.

I funerali di Adele si tengono questa mattina alle 9.30 presso la cappella del cimitero di Chiavari. Le esequie, per volontà dei famigliari si svolgeranno “in forma strettamente privata”.