Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Liguria, il lavoro (a termine) non va in vacanza: 33 mila assunzioni, cuochi e camerieri i più richiesti

Quasi un'impresa su 4 prevede di avere difficoltà a trovare i profili desiderati sia per ridotto numero di candidati sia per inadeguatezza di competenze e qualifiche

Più informazioni su

Liguria. In Liguria sono previste quasi trentatré mila assunzioni (in gran parte a tempo determinato) tra i mesi di luglio e settembre.

Su 969mila assunzioni programmate dalle imprese nel periodo estivo a livello nazionale, in Liguria ne sono previste infatti 32.950 (il 3,4% del totale), di cui poco più di 10mila nel mese di luglio. E’ la sintesi sui fabbisogni occupazionali delle imprese liguri stilata da Unioncamere Liguria per il 3° trimestre 2017 per fornire informazioni tempestive e di supporto alle politiche attive del lavoro.

In termini percentuali, solo il 18% delle assunzioni che le imprese liguri prevedono di realizzare sarà stabile, ossia con un contratto a tempo indeterminato (12%) o di apprendistato (8%), mentre l’82% invece sarà a termine, con un 70% a tempo determinato.

L’84% delle assunzioni programmate sarà assorbito dai servizi, in particolare quelli turistici (40%) e, rispetto alla classe dimensionale delle imprese, il 53% delle entrate riguarderà quelle con 50 e più dipendenti.

I contratti a tempo indeterminato riguardano soprattutto l’industria manifatturiera e il pubblico impiego (32%) seguiti a distanza dai servizi alle imprese (28%) e dal settore delle costruzioni (23%). La formula del determinato invece è pressoché totale nel turismo, con il 92%, e prevale anche di netto nei servizi alle persone e nel commercio.

Entrando nello specifico delle principali figure professionali richieste dalle imprese liguri, al primo posto figurano cuochi e camerieri con 12.120 assunzioni previste (36,8% sul totale): in 23 casi su 100 le imprese prevedono di avere difficoltà a trovare i profili desiderati sia per ridotto numero di candidati che per inadeguatezza della competenza e qualifica. Seguono gli addetti non qualificati nei servizi di pulizia e alle persone (2.630) e i commessi e altro personale qualificato in esercizi commerciali (2.100).

Il 50% delle assunzioni programmate nel 3° trimestre dalle imprese liguri interesserà giovani con meno di 30 anni, solo il 15% le donne.