Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Quando la sicurezza dà spettacolo: in Liguria arrivano le “volanti del mare” foto

Dal primo agosto la Polizia di Stato è attiva sul litorale genovese con due acquascooter

Più informazioni su

Genova. La Polizia di Stato, dal primo agosto scorso, è operativa sul litorale genovese con due acquascooter. Le “volanti del mare” sono state assegnate all’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico per essere guidate da personale appositamente formato presso il CNES di La Spezia.

Le moto d’acqua svolgono attività di polizia giudiziaria, amministrativa e di prevenzione, come una normale pattuglia impiegata nel controllo del territorio. A cambiare è solo lo scenario: il mare. Procedono, quindi, al controllo dei natanti e dei loro occupanti, nonché all’identificazione delle persone presenti sugli arenili.

Intervengono in caso di commissione di reati, sia d’iniziativa che su segnalazione da parte delle centrali operative della Polizia di Stato e della Capitaneria di Porto, con cui collaborano in servizi integrati per fronteggiare situazioni di pericolo come incendi e naufragi. Sono destinate anche a servizi di ordine pubblico in occasione di grandi eventi, scorte e tutela di personalità nonché servizi subacquei (ricerca esplosivi, persone scomparse, etc).

Dotate di motore aspirato di 220 cavalli, con 1800 di cilindrata, offrono vantaggi di operatività molto elevati: essendo privi di eliche, consentono infatti di operare entro 500 metri dalla costa e di arrivare sino alla spiaggia, garantendo quindi la possibilità di un pronto intervento in situazioni di impellente necessità e in caso di soccorso a persone in difficoltà in mare. Possono altresì operare in condizioni meteomarine difficili, affrontando onde fino a due metri, assicurando così una dinamica attività di controllo del territorio e di soccorso in mare.

Gli operatori in servizio a bordo degli acquascooter effettueranno frequenti spiaggiamenti, non solo volti a scoraggiare eventuali malintenzionati, ma anche finalizzati a stringere un legame diretto con la gente che popola le spiagge dei litorali cittadini.