Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Furti in appartamento, fondamentali le segnalazioni dei cittadini

Genova. Un viso sospetto, un rumore inaspettato, una luce accesa nell’appartamento di persone che dovrebbero essere in vacanza. Sono questi i segnali che, se colti al momento giusto, possono aiutare a prevenire uno dei fenomeni criminali più fastidiosi, il furto in appartamento. A spiegarlo Alessandra Bucci, che dirige l’ufficio prevenzione generale della Questura di Genova e che ricorda come, in casi anche recenti, la chiamata di un vicino ha consentito di sventare un furto.

Forze dell'ordine e mezzi di trasporto

“Se si nota qualcosa di sospetto bisogna chiamare il 112 – spiega – e non mi stancherò mai di dire che noi valutiamo tutte le segnalazioni da parte dei cittadini. Molti hanno una sorta di timore di disturbare la polizia con segnalazione che, magari, non hanno un riscontro nel momento in cui arriva la volante, ma questo non importa”.

“Se un cittadino ritiene di avere individuato una persona sospetta, o comunque un volto che non è familiare nel quartiere – prosegue Bucci – o una persona che si aggira nei pressi di abitazioni che si sanno vuote perché i proprietari sono in vacanza e’ bene chiamare il 112. Bisogna segnalare, dare una descrizione più dettagliata possibile, e aspettare che la polizia arrivi sul posto”.

Intanto dalla Polizia arrivano anche alcune indicazioni pratiche da seguire per limitare i rischi quando si va in vacanza. “Se uno si allontanava dalla propria abitazione per un lungo periodo – spiega – deve evitare di dare informazioni sui social circa i propri spostamenti, ma anche non riferire in giro circa la presenza di oggetti di valore, di casseforti, di sistemi d’allarme perché queste informazioni potrebbero essere divulgate a malintenzionati”.

A questo si aggiunge il consiglio di dotare l’abitazione di sistemi di protezione e utilizzare alcuni accorgimenti comeevitare di far depositare nella cassetta della posta la corrispondenza. “Questo è chiaramente una un invito alle persone che vogliono compiere un furto – conclude Bucci – a visitare proprio quella appartamento che evidentemente è vuoto per un lungo periodo”.